Legalità economica con la Guardia di Finanza all’ITC Sciascia

gdf allo sciasciaProficua e interessante mattinata presso l’Istituto Tecnico Commerciale, Economico e Tecnologico “L.Sciascia” di Agrigento dove gli studenti hanno incontrato alcuni esponenti della Guardia di Finanza nell’ambito del progetto denominato “Educazione alla legalità economica”. L’iniziativa trae origine da un Protocollo d’intesa tra il Comando Generale della Guardia di Finanza ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ed é finalizzata a promuovere, nell’ambito dell’insegnamento “Cittadinanza e Costituzione”, un programma di attività a favore degli alunni della scuola primaria e secondaria.

L’importante campagna nazionale sulla legalità economico-finanziaria, condotta dalla Guardia di Finanza d’intesa con il M.I.U.R.,  ha coinvolto le classi quarte dell’Istituto “Sciascia” (sede di Agrigento e di Porto Empedocle) nonché alcune classi degli Istituti agrigentini IPIA “E.Fermi” e IPSCT “N.Gallo”. Il progetto é stato introdotto dal Dirigente Scolastico, Dott.ssa Patrizia Marino, cui é seguito l’intervento del Capitano Claudio Fallitti, Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di Agrigento, il quale ha evidenziato all’attenta platea di giovani l’importanza della “legalità economica” per il singolo cittadino e per l’intera collettività.

In  base agli orientamenti del Protocollo d’intesa di cui sopra, l’incontro é stato finalizzato a creare e diffondere il concetto di “sicurezza economica e finanziaria”, ad affermare il messaggio della “convenienza” della legalità economico-finanziaria e a stimolare nei giovani una maggiore presa di coscienza del delicato ruolo rivestito dal Corpo, organo di polizia vicino a tutti i cittadini di cui tutela il bene fondamentale delle libertà economiche. L’iniziativa ha, infatti, avuto lo scopo di far maturare negli studenti la consapevolezza del valore della legalità economica con particolare riferimento alla prevenzione dell’evasione fiscale e dello sperpero di risorse pubbliche, delle falsificazioni, della contraffazione nonché dell’uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti. All’interessante progetto scolastico è abbinato un concorso denominato “Insieme per la legalità” al fine di sensibilizzare i giovani sui temi dell’evasione fiscale, dello sperpero di risorse pubbliche, delle falsificazioni monetarie, della contraffazione dei prodotti e dell’uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti .

Il tutto favorendo la loro espressione libera, creativa e spontanea sulle tematiche attraverso una rappresentazione grafico-pittorica o una produzione video-fotografica. Il Bando del Concorso è già disponibile sui siti internet (www.istruzione.it e www.gdf.gov.it) con scadenza 30 aprile 2013 per la presentazione dei lavori.