La Destra chiede chiarezza su inefficienza della sanità agrigentina

I servizi che l’ASP di Agrigento nel campo delle visite mediche specialistiche, sono oggetto di un’interrogazione parlamentare presentata all’Ars dal gruppo Lista Musumeci/La Destra.
In particolare, l’attenzione è rivolta ai tempi di attesa, talvolta mesi, che i cittadini devono subire per servizi laddove c’è in gioco non solo il benessere del paziente ma in qualche caso la vita stessa.
Per questa ragione, sollevando un allarme sulla sanità agrigentina, il gruppo parlamentare all’ARS Lista Musumeci/La Destra ha presentato un’interrogazione, con la quale si chiede chiarezza e si invoca una ispezione urgente sull’attività dell’ASP di Agrigento per le attese infinite per le visite specialistiche di alcune fondamentali branche della medicina.

“Malgrado la disfatta elettorale – spiega il segretario provinciale Roberto Gallo – La Destra intende continuare l’impegno totale a favore della comunità laddove ci sono rappresentanti nelle istituzioni,
coerentemente coi seri programmi sulle politiche sociali”.

Ecco il testo dell’interrogazione

INTERROGAZIONE
(risposta orale in aula)
Notizie sui lunghi tempi di attesa per visite specialistiche presso l’Ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento
Al Presidente della Regione e all’Assessore regionale per la Salute.
Premesso che, visitando il sito dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento, è possibile prendere visione dei tempi di attesa, per visite specialistiche, presso l’Ospedale San Giovanni di Dio della Città dei Templi.
Tenuto conto che per alcune tipologìe di controlli specialistici, i tempi di attesa sono surreali: una visita oculistica richiede 82 giorni di attesa, una consulenza neurologica o reurnatologica 91 giorni, per poi arrivare ai tempi biblici di una visita ortopedica (245 giorni) o di cndocrinoligiea, che costringe i malati ad attendere addirittura ben 302 giorni.
Preso atto che:

  • la tipologia di esami che costringono i malati agrigentini a questi lunghissimi tempi di attesa sono incompatibili con una sanità moderna ed efficiente quale dovrebbe essere quella siciliana.
  • dovere attendere mesi per un controllo specialistico che potrebbe significare la vita o la morte per un paziente non è degno di una società civile ed evoluta.

Considerato che:

  • Il compito primario di un servizio pubblico è andare incontro alle necessità della popolazione, con servizi immediati e rispondenti alle esigenze della gente che usufruisce di detti servizi.
  • E’ bene ricordare che un esame specialistico richiesto dai medici di base per potere individuare immediatamente la diagnosi corretta e la conseguente terapia e cura, non può e non deve essere fonte del rischio per il malato: con questi tempi di attesa, il malato arriva a chiedersi, paradossalmente, se arriverà in vita alla data del tanto agognato esame.

PER SAPERE

  • Se siano a conoscenza dei tempi di attesa biblici necessari per alcune visite specialistiche presso l’Ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento.
  • Quali iniziative intendano adottare per riportare la sanità agrigentina ai livelli normali per una società che si vuole definire civile.
  • Se non ritengano urgente, opportuno e doveroso, nei confronti della popolazione dell’intera provincia di Agrigento, disporre una ispezione al fine di accertare eventuali responsabilità di tali vergognosi ritardi.

(Gli interroganti chiedono lo svolgimento con urgenza)
(14/02/2013)
MUSUMECI
FORMICA
CURRENTI
IOPPOLO
RUGGIRELLO