SS 115, chiusa l’attività dei volontari di Protezione Civile a supporto del Comune di Calamonaci

Si è conclusa nel migliore dei modi l’attività di supporto dei volontari di protezione civile per attività di monitoraggio del traffico all’interno del Comune di Calamonaci. Dopo diversi giorni di comprensibili disagi per automobilisti e abitanti a causa della nota interruzione della SS 115, infatti, la situazione è andata progressivamente migliorando, in particolare per il piccolo Comune del comprensorio riberese, che viene attraversato quotidianamente da centinaia di veicoli e pullman. La difficile situazione viene attualmente gestita senza particolari problemi dalla Polizia Municipale, la cui attività è stata supportata dalle associazioni di volontariato presenti nel territorio interessato dall’emergenza, iscritte al Registro Regionale di Protezione Civile e attivate dal Gruppo Protezione Civile del Settore Ambiente inseguito alla richiesta dello stesso Comune di Calamonaci alla Provincia Regionale di Agrigento.
“Siamo soddisfatti del lavoro dei volontari” dice il Presidente della Provincia Regionale Eugneio D’Orsi “che hanno reso meno problematico l’afflusso di veicoli dirottati dalla statale dopo il crollo del ponte sul Verdura su strade interne inadeguate a sostenere notevoli volumi di traffico”.
Le associazioni che hanno partecipato alle operazioni di monitoraggio del traffico nel comune di Calamonaci sono: Vigili del Fuoco in congedo di Sciacca, Vigili del Fuoco in congedo di Bivona, AEOP di Ribera, Gruppo Comunale di Villafranca Sicula e Terre Sicane di Sambuca di Sicilia.