Favara, spara all’amante: condannata cinquantenne

Condanna a 6 anni di reclusione confermata in Cassazione per la favarese Calogera Sferlazza, 49 anni, accusata di avere sparato allo spasimante che non ne voleva sapere di troncare la loro relazione. La Suprema Corte ha rigettato il ricorso del difensore, l’avvocato Giovanni Castronovo, rendendo definitiva la sentenza che spalancherà a breve le porte del carcere per la donna che dovrà espiare pressoché interamente la condanna visto che la detenzione cautelare era stata molto breve. Al centro della vicenda ci sarebbe una relazione extraconiugale tormentata. L’agguato sarebbe avvenuto nel maggio del 2008 in contrada Giarrizzo, una zona di campagna favarese particolarmente isolata e lontana da occhi indiscreti. La donna e il suo amante, secondo la ricostruzione dell’episodio, si erano dati appuntamento per tentare un chiarimento. Pare che la quarantenne avrebbe voluto troncare la relazione incontrando le resistenze dell’uomo. Calogera Sferlazza avrebbe impugnato la pistola e fatto fuoco colpendo però solo alle braccia il presunto amante che restò ferito ma non fu mai in pericolo di vita. La vittima si chiama Giovanni Alonge e ha una decina di anni in più della donna. I carabinieri la andarono ad arrestare poco dopo la denuncia dell’uomo.