Morto in cava, 4 indagati

Mario Cardinale

Sviluppi nell’inchiesta sulla morte dell’operaio Mario Cardinale di 52 anni, rimasto sepolto, lo scorso 6 febbraio, sotto una frana nella cava dove stava lavorando in contrada Gilbasa a Villafranca Sicula. La procura di Sciacca ha iscritto quattro persone sul registro degli indagati. Si tratta dei due titolari della cava di inerti, del direttore dei lavori e del responsabile della sicurezza. L’inchiesta e’ coordinata dal sostituto procuratore Alessandro Moffa. Il cadavere di Cardinale e’ stato recuperato sette giorni dopo l’incidente, a causa della pericolosita’ della zona. Il provvedimento della procura e’ un atto dovuto in vista dell’autopsia sul corpo dell’operaio in programma domani e serve a permettere agli indagati di nominare dei periti che possano assistere all’esame.