Campobello, morta dopo Tso: archiviata inchiesta a carico di due medici

“Sostenere l’accusa in dibattimento sarebbe estremamente arduo”. Così il gip Ottavio Mosti ha disposto l’archiviazione delle indagini a carico di due psichiatri, Carmelo Zaccaria, 57 anni, e Carmela Fontana, 59 anni, a carico dei quali veniva ipotizzato il reato di omicidio colposo. Il giudice ha accolto le richieste del pm Brunella Sardoni e dei difensori dei medici, gli avvocati Salvatore Manganello e Giuseppe Fazio. L’inchiesta era stata avviata nell’estate di quattro anni fa dopo la morte di una settantenne. L’anziana, affetta da schizofrenia cronica, non sarebbe morta per colpa dei medici che proposero il Tso né tantomeno dell’eccessiva sedazione: a ucciderla sarebbe stata proprio la sua stessa malattia che la obbligò ad assumere psicofarmaci che aumentano di tre volte il rischio di arresto cardiocircolatorio improvviso. I familiari della vittima che presentarono un esposto dal quale partì l’inchiesta, attraverso il proprio legale Stefano Argento, si erano opposti al proscioglimento dei medici chiedendo nuove indagini. Nei giorni scorsi si è celebrata l’udienza davanti al gip Ottavio Mosti che ha sentito tutte le parti prima di depositare l’ordinanza di archiviazione per “infondatezza della notizia di reato”.