“Truffa per ottenere i contributi”, sarà sentito il funzionario

Nuovi atti al processo sulla presunta truffa nell’erogazione dei contributi all’Accademia Gioeni. Secondo l’accusa – l’inchiesta è stata condotta dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e dal pubblico ministero Giacomo Forte – diversi enti pubblici avrebbero rimborsato più volte le stesse fatture moltiplicando indebitamente le elargizioni.

Sul banco degli imputati siedono il dirigente dell’ufficio di Gabinetto del Comune di Agrigento, Salvatore Re; per il funzionario di Palazzo dei Giganti, Arturo Attanasio, e per la fondatrice dell’Accademia di studi mediterranei “Lorenzo Gioeni”, Assuntina Gallo Afflitto. Ieri mattina i difensori (gli avvocati Gaziano e Sutera) hanno prodotto nuova documentazione contabile. Il pm Forte ha poi chiesto di sentire Re.

La sua audizione è stata programmata dal gup Alberto Davico per il 19 febbraio.