Ordine dei giornalisti, esposti in Procura per presunte irregolarità nelle elezioni

E’ stato presentato un ricorso al Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti e alla Procura di Catania, già destinataria di un altro esposto, contro i risultati delle ultime consultazioni per il rinnovo del Consiglio nazionale e regionale dell’Ordine. I firmatari del ricorso sono un gruppo di giornalisti: Marta Genova, Mariella Magazù, Vassily Sortino e Dimitri Strazzeri. Nel ricorso i firmatari chiedono che venga verificato che tutte le procedure per la composizione dei seggi, l’espletamento del voto e relativo scrutinio, siano state svolte con regolarità. La vicenda nasce in seguito alla candidatura al Consiglio nazionale dell’Odg, elenco pubblicisti, di Marta Genova, che sulla base di quanto prevede la legge istitutiva dell’Ordine chiedeva anche lei di essere inserita tra componenti del seggio, con il fine di “fugare dubbi su eventuali irregolarita’ relative proprio alla composizione del seggio stesso, da piu’ parti denunciate”. “Ma alla collega – spiegano i firmatari del ricorso – e’ stato opposto un netto rifiuto dai vertici uscenti dell’Odg. Acclarati i risultati dopo la tornata elettorale del 23 maggio, come sempre la legge istitutiva del nostro ordine prevede, Genova ha chiesto la consegna degli elenchi dei votanti e dei verbali, ma le reiterate richieste alla presidenza siciliana dell’Odg sono state inevase”. Da lì la presentazione di due esposti, il 28 maggio, nelle due procure che hanno la competenza territoriale sulle altre due province sedi di seggio, Catania e Messina. Lo scorso 1 giugno, l’ex presidente dell’Ordine Nicastro ha consegnato gli elenchi richiesti. L’8 giugno il ricorso e’ stato inviato al consiglio nazionale dell’Ordine.