Calcio, tutti i provvedimenti della commissione disciplinare

 GIUSTIZIA SPORTIVA

1.1. Decisioni della Commissione Disciplinare
La Commissione Disciplinare nella seduta del    01 Giugno  2010:
Collegio composto dai Sigg.ri:

Mario Fiore     (Presidente)          Francesco Giarrusso   (Componente)
Ugo Caldarella  (Componente)  Giovanni Griffo (Segretario)

Ha adottato i seguenti provvedimenti:

APPELLI:
Sig. Cipolla Cristian (calciatore Pol. Lilbertas Borgo Molara – Pa) – avverso personale squalifica fino al 31 Gennaio 2011 Gara Calcio a 5 Play off C/1: Pol. Lib. Borgo Molara –  A.S.D. Futsal Battiati del 22 Maggio 2010 Comunicato Ufficiale 486/C5 del 27 Maggio 2010
Procedimento 315/A

Con appello personale ricorre entro i termini prescritti il calciatore Cipolla Cristian avverso il provvedimento indicato in epigrafe. Eccepisce il ricorrente lo stupore nel leggere le motivazioni della suddetta squalifica presumendo che altri sia stato l’autore dell’irresponsabile atto in danno dell’Arbitro effettuato. Tuttavia riconosce la colpevolezza del  proprio contegno offensivo  ed irriguardoso tenuto nei confronti dell’Arbitro all’atto di lasciare il terreno di giuoco e, nel presentare le scuse per tale condotta non regolamentare, chiede l’accoglimento del ricorso.
La Commissione Disciplinare Territoriale, esaminati gli atti ufficiali ed i motivi d’appello, osserva:
quanto riportato dall’Arbitro nel proprio referto appare chiaro e circostanziato, e non offre alcun dubbio sulla condotta tenuta dal Cipolla Cristian sia per il motivo d’espulsione (offese all’Arbitro), sia per le reiterate frasi irriguardose e per il lancio di parastinchi all’indirizzo dell’Arbitro, atti compiuti dopo l’espulsione e fuori dal recinto di giuoco;
purtuttavia questo Organo Giudicante, nell’acclarare il biasimevole contegno tenuto dall’appellante nei fatti descritti, non avendo l’Arbitro conseguito alcun danno fisico, ritiene di contenere la squalifica come riportato in dispositivo.
P.Q.M.
DELIBERA
di determinare la squalifica a carico del calciatore Cipolla Cristian ( Pol. Lib. Borgo Molara) a tutto il 30 Novembre 2010.
Per l’effetto, si dispone la restituzione della tassa versata nella misura di € 65,00

DEFERIMENTI

DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE A CARICO DI:
Sig. Croce Giuseppe (Dirigente con delega di rappresentanza A.S.D. Cianciana 2000)
Sig. Salemi Raimondo (Dirigente A.S.D. Cianciana 2000)
Sig. Martorana Francesco (Dirigente A.S.D. Cianciana 2000)
Società A.S.D. Cianciana 2000 ( Ag)
Procedimento 292/A 

Considerato che la Procura Federale con nota 332 pf 09-10 GS/reg del 26 Marzo 2010 debitamente notificata alle parti in epigrafe indicate ha deferito innanzi questa Commissione Disciplinare le stesse per rispondere delle violazioni di cui agli art.1 comma 1)  C.G.S. in relazione agli articoli 38 comma 1) e 61 comma 1) N.O.I.F. nonché  art. 4 comma 2) C.G.S.
Rilevato che le parti deferite sono state debitamente convocate all’udienza dibattimentale che ha avuto luogo Martedì 11  Maggio 2010 con inizio alle ore 15,30.
Dato atto che alla predetta udienza le parti deferite non si sono presentate.
Sentito il rappresentante la Procura Federale il quale ha concluso con la richiesta: “ritenere responsabili le parti rinviate a giudizio, di quanto loro addebitato infliggendo ai Sig.ri  Croce Giuseppe, Salemi Raimondo e Martorana Francesco la inibizione per mesi 3 (tre) da scontare nel prossimo campionato; alla società A.S.D. Cianciana 2000  l’ammenda di € 2000,00 (duemila)”.
Raccolte quanto richiesto dalle parti deferite: la società deferita ha prodotto memoria difensiva dove indica il tesseramento del tecnico in data 12 Settembre 2009. Riteneva, pertanto, legittimo l’inserimento nelle distinte gare del nominativo del tecnico. Chiede l’annullamento del deferimento.
Ritenuto che il tesseramento di un tecnico si concretizza solo con il rilascio del relativo tesserino da parte del Settore Tecnico della F.I.G.C., la cui data fa fede della sua decorrenza (25 Gennaio 2010) e validità.
DELIBERA
Di ritenere responsabili dei capi di imputazione loro ascritti, di cui all’atto di rinvio a giudizio debitamente notificato agli interessati, in epigrafe indicati e singolarmente specificati, infliggendo:
ai Sig.ri Croce Giuseppe, Salemi Raimondo e Martorana Francesco (tutti tesserati Dirigenti A.S.D. Cianciana 2000 ) la inibizione, ai sensi e per gli effetti di cui all’art.19 punto 1 lettera h) C.G.S. a tutto il 30 Settembre 2010 (così quantificata per assicurarne la afflittività); alla società A.S.D. Cianciana  2000, a titolo di responsabilità oggettiva, l’ammenda di €.2000,00 (duemila).
La presente delibera va notificata alle parti interessate ed alla Procura Federale.
DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE A CARICO DI:
Sig. Salamone Sebastiano (Presidente A.S.D. Francofonte)
Società A.S.D. Francofonte  ( Sr)
Procedimento 293/A

Considerato che la Procura Federale con nota 346  09-10 del 16 Marzo  2010 debitamente notificata alle parti in epigrafe indicate ha deferito innanzi questa Commissione Disciplinare le stesse per rispondere delle violazioni di cui agli art.1 comma 1)  C.G.S. in relazione agli articoli 21 N.O.I.F. e 33 Regolamento Settore Tecnico, nonché  art. 4 comma 1) C.G.S.
Rilevato che le parti deferite sono state debitamente convocate all’udienza dibattimentale che ha avuto luogo Martedì 11  Maggio 2010 con inizio alle ore 15,30.
Dato atto che alla predetta udienza le parti deferite non si sono presentate.
Sentito il rappresentante la Procura Federale il quale ha concluso con la richiesta: “ritenere responsabili le parti rinviate a giudizio, di quanto loro addebitato infliggendo al Sig. Salamone Sebastiano la inibizione per mesi 3 (tre); alla società A.S.D. Francofonte l’ammenda di € 500,00 (cinquecento) ”.
Raccolte quanto richiesto dalle parti deferite: la società deferita ha prodotto memoria difensiva dove rappresenta che mero errore è stato riportato nella distinta della gara interessata, come collaboratore, il sig. Lombardo, mentre lo stesso era tesserato come allenatore; si rimette a giudizio di questa Commissione Disciplinare.
Ritenuto che le parti deferite sono chiamate a rispondere di quanto loro addebitato, giusto atto di deferimento debitamente loro notificato, stante che i motivi dedotti a difesa non sono esimenti della responsabilità accertata,
DELIBERA
Di ritenere responsabili dei capi di imputazione loro ascritti, di cui all’atto di rinvio a giudizio debitamente notificato agli interessati, in epigrafe indicati e singolarmente specificati, infliggendo:
al Sig. Salamone Sebastiano (Presidente A.S.D. Francofonte)  la inibizione, ai sensi e per gli effetti di cui all’art.19 punto 1 lettera h) C.G.S. per mesi 3 (tre); alla società A.S.D. Francofonte , a titolo di responsabilità diretta, l’ammenda di €500 ,00 (cinquecento).
La presente delibera va notificata alle parti interessate ed alla Procura Federale.
DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE A CARICO DI:
Sig. Settimo Francesco  (non socio riconducibile società A.S.D. Atletico Riposto)
Sig. Carmelo Messina (non socio riconducibile società A.S.D. Atletico Riposto)
Sig. Brunetto Antonio (non socio riconducibile società A.S.D. Atletico Riposto)
Sig. Orto Gaetano (non socio riconducibile società A.S.D. Atletico Riposto)
Società A.S.D. Atletico Riposto (Ct)
Procedimento 294/A

Considerato che la Procura Federale con nota 334 pf 09-10 GS/reg del 14 Marzo 2010 debitamente notificata alle parti in epigrafe indicate ha deferito innanzi questa Commissione Disciplinare le stesse per rispondere delle violazioni di cui agli art.1 comma 1)  C.G.S. in relazione agli articoli 38 comma 1) e 61 comma N.O.I.F., nonché  art. 4 comma 1) C.G.S.
Rilevato che le parti deferite sono state debitamente convocate all’udienza dibattimentale che ha avuto luogo Martedì 11  Maggio 2010 con inizio alle ore 15,30.
Dato atto che alla predetta udienza le parti deferite non si sono presentate.
Sentito il rappresentante la Procura Federale il quale ha concluso con la richiesta: “ritenere responsabili le parti rinviate a giudizio, di quanto loro addebitato infliggendo ai Sig.ri Settimo Francesco,  Carmelo Messina, Brunetto Antonio, Orto Gaetano   la inibizione per mesi 3  (tre) da scontare nel prossimo campionato; alla società A.S.D. Atletico Riposto  l’ammenda di € 2000,00 (duemila) ”.
Raccolte quanto richiesto dalle parti deferite: la società deferita ha prodotta memoria difensiva allegando nota di controdeduzioni del tecnico Sig. Miano Sebastiano ed alla quale fa formale rinvio anche per i motivi a propria difesa.
Ritenuto che i motivi dedotti a difesa non sono esimenti della responsabilità debitamente contestata alle parti rinviate a giudizio, stante che, contrariamente a quanto sostenuto nelle memorie difensive, il tesseramento in contestazione risulta perfezionato alla data 26 Gennaio 2010, come da tabulato del Settore Tecnico aggiornato in data 01 Marzo 2010.  DELIBERA
Di ritenere responsabili dei capi di imputazione loro ascritti, di cui all’atto di rinvio a giudizio debitamente notificato agli interessati, in epigrafe indicati e singolarmente specificati, infliggendo:
ai Sig.ri  Settimo Francesco,  Carmelo Messina, Brunetto Antonio, Orto Gaetano   (non soci riconducibili società A.S.D. Atletico Riposto)  la inibizione, ai sensi e per gli effetti di cui all’art.19 punto 1 lettera h) C.G.S. per mesi 3 (tre); alla società A.S.D. Atletico Riposto, a titolo di responsabilità oggettiva, l’ammenda di € 2000,00 (duemila).
La presente delibera va notificata alle parti interessate ed alla Procura Federale.
DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE A CARICO DI:
Sig. Scardina Riccardo (Presidente A.S.D. Sant’Isidoro Bagheria)
Società A.S.D. Sant’Isidoro Bagheria (Pa )
Procedimento 298/A

Considerato che la Procura Federale con nota 342 del 09-10 del 11 Marzo 2010 debitamente notificata alle parti in epigrafe indicate ha deferito innanzi questa Commissione Disciplinare le stesse per rispondere delle violazioni di cui agli art.1 comma 1)  C.G.S. in relazione agli articoli 21 N.O.I.F. e 33 Regolamento Settore Tecnico,  nonché  art. 4 comma 1) C.G.S.
Rilevato che le parti deferite sono state debitamente convocate all’udienza dibattimentale che ha avuto luogo Martedì 11  Maggio 2010 con inizio alle ore 15,30.
Dato atto che alla predetta udienza le parti deferite non si sono presentate.
Sentito il rappresentante la Procura Federale il quale ha concluso con la richiesta: “ritenere responsabili le parti rinviate a giudizio, di quanto loro addebitato infliggendo al Sig.  Scardina Riccardo la inibizione per mesi 3 (tre); alla società A.S.D. Sant’Isidoro Bagheria  l’ammenda di € 500,00 (cinquecento) ”.
Raccolte quanto richiesto dalle parti deferite: nessuna memoria difensiva.
Ritenuto che le parti deferite sono chiamate a rispondere di quanto loro addebitato, giusto atto di deferimento debitamente loro notificato.
DELIBERA
Di ritenere responsabili dei capi di imputazione loro ascritti, di cui all’atto di rinvio a giudizio debitamente notificato agli interessati, in epigrafe indicati e singolarmente specificati, infliggendo:
al Sig. Scardina Riccardo (Presidente A.S.D. Sant’Isidoro Bagheria)  la inibizione, ai sensi e per gli effetti di cui all’art.19 punto 1 lettera h) C.G.S. per mesi 3 (tre); alla società A.S.D. Sant’Isidoro Bagheria, a titolo di responsabilità diretta, l’ammenda di € 500,00 (cinquecento).
La presente delibera va notificata alle parti interessate ed alla Procura Federale.
DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE A CARICO DI:
Sig. Prestipino Carmelo (Presidente A.S.D. Ragazzini Generali )
Società  A.S.D. Ragazzini Generali ( Ct)
Procedimento 308/A

Considerato che la Procura Federale con nota 381 09-10  del 23 Marzo 2010 debitamente notificata alle parti in epigrafe indicate ha deferito innanzi questa Commissione Disciplinare le stesse per rispondere delle violazioni di cui agli art.1 comma 1)  C.G.S. anche in relazione agli articoli 21 N.O.I.F. e 33 Regolamento Settore Tecnico,  nonché  art. 4 comma 1) C.G.S.
Rilevato che le parti deferite sono state debitamente convocate all’udienza dibattimentale che ha avuto luogo Martedì 18  Maggio 2010 con inizio alle ore 15,30.
Dato atto che alla predetta udienza le parti deferite non si sono presentate.
Sentito il rappresentante la Procura Federale il quale ha concluso con la richiesta: “ritenere responsabili le parti rinviate a giudizio, di quanto loro addebitato infliggendo al Sig. Prestipino Carmelo la inibizione per mesi 3 (tre); alla società A.S.D. Ragazzini Generali  l’ammenda di € 500,00 (cinquecento) ”.
Raccolte quanto richiesto dalle parti deferite: nessuna memoria difensiva.
Ritenuto che le parti deferite sono chiamate a rispondere di quanto loro addebitato, giusto atto di deferimento debitamente loro notificato.
DELIBERA
Di ritenere responsabili dei capi di imputazione loro ascritti, di cui all’atto di rinvio a giudizio debitamente notificato agli interessati, in epigrafe indicati e singolarmente specificati, infliggendo:
al Sig. Prestipino Carmelo (Presidente A.S.D. Ragazzini Generali)  la inibizione, ai sensi e per gli effetti di cui all’art.19 punto 1 lettera h) C.G.S. per mesi 3 (tre); alla società A.S.D. Ragazzini Generali, a titolo di responsabilità diretta, l’ammenda di € 500,00 (cinquecento).
La presente delibera va notificata alle parti interessate ed alla Procura Federale.
DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE A CARICO DI:
Sig. Timpanaro Pirrina Gianfranco  (Presidente A.S.D. Capo D’Orlando)
Società A.S.D. Capo D’Orlando (Me )
Procedimento 309/A

Considerato che la Procura Federale con nota 385 09-10  del 19 Marzo 2010 debitamente notificata alle parti in epigrafe indicate ha deferito innanzi questa Commissione Disciplinare le stesse per rispondere delle violazioni di cui agli art.1 comma 1)  C.G.S. anche in relazione agli articoli 21 N.O.I.F. e 33  Regolamento Settore Tecnico, nonché  art. 4 comma 1) C.G.S.
Rilevato che le parti deferite sono state debitamente convocate all’udienza dibattimentale che ha avuto luogo Martedì 18  Maggio 2010 con inizio alle ore 15,30.
Dato atto che alla predetta udienza le parti deferite non si sono presentate.
Sentito il rappresentante la Procura Federale il quale ha concluso con la richiesta: “ritenere responsabili le parti rinviate a giudizio, di quanto loro addebitato infliggendo al Sig. Timpanaro Pirrina Gianfranco  (Presidente A.S.D. Capo D’Orlando) la inibizione per mesi 3 (tre); alla società A.S.D. Capo D’Orlando l’ammenda di € 1000,00 (mille) ”.
Raccolte quanto richiesto dalle parti deferite: nessuna memoria difensiva.
Ritenuto che le parti deferite sono chiamate a rispondere di quanto loro addebitato, giusto atto di deferimento debitamente loro notificato.
DELIBERA
Di ritenere responsabili dei capi di imputazione loro ascritti, di cui all’atto di rinvio a giudizio debitamente notificato agli interessati, in epigrafe indicati e singolarmente specificati, infliggendo:
al Sig Timpanaro Pirrina Gianfranco  (Presidente A.S.D. Capo D’Orlando) la inibizione, ai sensi e per gli effetti di cui all’art.19 punto 1 lettera h) C.G.S. per mesi 3 (tre); alla società A.S.D. Capo D’Orlando, a titolo di responsabilità diretta, l’ammenda di € 1000,00 (mille).
La presente delibera va notificata alle parti interessate ed alla Procura Federale.
 Il Presidente della C.D.T.
Mario Fiore
Pubblicato in Palermo ed affisso all’albo del C.R. Sicilia il  01 /6 /2010

Il Segretario
Maria Gatto Il Presidente
Sandro Morgana