Precari: Di Benedetto, forze politiche siciliane chiedano deroga a governo Berlusconi

“La mobilitazione dei precari degli enti locali richiama tutte le forze politiche siciliane a promuovere nei confronti del governo Berlusconi una forte protesta perché venga concessa la deroga agli enti locali per il patto di stabilità”. Lo dice Giacomo Di Benedetto, deputato regionale del PD, che su questa vicenda ha chiesto l’audizione in commissione Bilancio delle rappresentanze degli enti locali, delle organizzazioni sindacali e del governo. L’audizione si terrà il prossimo martedì 2 giugno alle 10,30.

“Ma in questo quadro di comune impegno per risolvere il problema dei 22 mila precari e della funzionalità degli enti locali – prosegue Di Benedetto – occorre che il governo regionale spieghi per quali motivi ha voluto abrogare, con il comma 1 dell’articolo 7 della L.R. 13/2009, la deroga al patto di stabilità che era già contenuta nella legislazione regionale (comma 4 articolo 8 L.R. 6/2009), per poi riproporla nell’ultima finanziaria con un comma impugnato dal Commissario dello Stato, producendo così l’attuale situazione di disastro e profonda preoccupazione in migliaia di lavoratori.

Nel dibattito d’aula del 17 dicembre 2009 ho chiaramente illustrato la mia contrarietà alla soppressione della deroga rappresentando i pericoli ai quali saremmo andati incontro, ma in quella sede il governo regionale ha insistito sull’abrogazione ed ha assicurato che avrebbe ottenuto in pochi giorni la deroga da parte del governo nazionale. Sono passati ormai cinque mesi e non c’è alcuna deroga, cresce invece la protesta dei precari che – conclude Di Benedetto –  vedono rischi sempre più pesanti sul loro futuro”.