Aumentano i costi dei biglietti nei siti archeologici, l’allarme del Consorzio Valle dei Templi

Il Consorzio turistico Valle dei Templi contesta, con una lettera aperta, la decisione della Regione di aumentare i prezzi per i bliglietti di accesso nei siti turistici. Ecco il testo integrale.

 

 

All’on. Assessore Regionale
       Avv. Gaetano Armao
       Al Presidente dell’Ente Parco Valle dei         Templi Dott. Campo   
       Al Direttore dell’Ente Parco Valle dei         Templi Arch. Pietro Meli   
       Al Presidente della Provincia di          Agrigento Prof. Eugenio D’Orsi
       Al Sindaco di Agrigento
       Avv. Marco Zambuto
       Al Presidente della CCIAA di          Agrigento Dott Vittorio Messina
       Al Consiglio del Parco Valle dei Templi

       e, p.c. ALLA STAMPA

Alto rischio per i flussi Turistici. Non si possono cambiare le regole in corso d’opera.

Apprendiamo con grande stupore e preoccupazione della decisione, dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, di aumentare il costo dei biglietti di ingresso alle aree archeologiche a far data dal primo giugno 2010.

L’aumento del costo dei biglietti, del 25% sull’ingresso della Valle dei Templi e del 100% sulla Casa Natale Luigi Pirandello oltre che l’eliminazione del biglietto cumulativo (Valle-Museo da €10 ora la sommatoria del costo degli ingressi ha quasi raddoppiato il costo complessivo),  comporta non solo disagio in un momento di crisi ma addirittura imbarazzo nei confronti degli Operatori Turistici Internazionali che ancora una volta si trovano ad affrontare tali problematiche dopo aver venduto da diversi mesi i pacchetti e non potendo chiedere agli utenti nessuna differenza. Ciò chiaramente produce l’effetto immediato di far passare il messaggio che fare Turismo in Sicilia è un rischio poiché non ci sono regole certe e quelle presenti possono variare di notte in notte.

Pensare di affrontare la problematica relativa alla gestione dei siti archeologici e/o monumentali con la sola politica dell’aumento frontale del biglietto di ingresso è assolutamente illogico oltre che inopportuno.

Si richiede un urgente incontro con l’on. Assessore Gaetano Armao finalizzato a
• riaffrontare la problematica nel tentativo di trovare soluzioni più consone al problema oltre che per analizzare una immediata strategia che parta dalla reale valorizzazione dei siti, attualmente assolutamente abbandonati a se stessi – come già evidenziato per la Valle dei Templi con un corposo dossier fotografico presentato agli uffici dell’Assessorato – con grave danno all’immagine complessiva della Sicilia che certamente produrrà un effetto boomerang e che purtroppo ci farà perdere ulteriori flussi di turisti
• discutere sulla eventuale diversa applicazione della norma vigente legata al costo dei tkts.

Nei prossimi giorni il Consorzio Turistico Valle dei Templi convocherà una Conferenza Stampa attraverso la quale rassegnerà all’opinione pubblica attraverso i media
• l’attuale situazione di degrado in cui versa il Parco Archeologico della Valle dei Templi
• il resoconto di 4 anni di fallimento promozionale che ha portato alla perdita complessiva, nei 4 anni,
◦ di circa 250.000 ingressi paganti per un danno all’erario di circa 2.000.000 di euro
◦ di circa 200.000 presenze alberghiere con un danno alla filiera agrigentina di circa 16.000.000 di euro e di oltre 100.000.000 di euro all’intero indotto
• la necessità di bloccare la decisione degli aumenti frontali
• una proposta di diversa articolazione dei costi di ingresso nella Valle che affronti alla radice il problema e che trasformi lo stesso in opportunità per esempio
◦ trasformare l’attuale gratuità prevista (Over 65 e turismo scolastico) in pagamento del biglietto che potrebbe trasformarsi in costo simbolico di 1 €uro a persona (per la Valle dei Templi ciò potrebbe significare un maggior introito di circa 320.000 euro annui) solo in presenza di turismo destagionalizzato e di soggiorno degli stessi nelle strutture ricadenti nell’area archeologica interessata
• una proposta di maggiore coinvolgimento della filiera turistica agrigentina alla corresponsabile e condivisa gestione del Parco Archeologico della Valle dei Templi attualmente colonizzato da emerite personalità, nomine tecnico-politiche magari di alto profilo professionale, che però non sono a conoscenza delle reali problematiche del territorio poiché non residenti in città che frequentano solo in occasione dei Consigli del Parco.

In attesa di conoscere le determinazioni dell’On. Assessore Gaetano Armao si coglie l’occasione per porgere cordiali saluti.
Agrigento 24 maggio 2010   

 Il Presidente del CDA 

 Gaetano Pendolino