Ricerca di idrocarburi, Paci e Lazzano chiederanno ricorso al TAR

I Consiglieri Provinciali del gruppo PDL alla Provincia Regionale di Agrigento Mario Lazzano ed Ivan Paci, si associano a quanti in questi giorni hanno lanciato il giusto grido di allarme, sia con comunicati stampa che con circostanziate interpellanze parlamentari non ultima quella a firma dell’On. Giuseppe Marinello e dell’On. Enzo Fontana, circa la possibilità concreta che la società San Leon Energy stia per chiedere tutte le autorizzazioni per effettuare a largo delle coste di Sciacca, Menfi, Castelvetrano, di eseguire ricerche di idrocarburi per una superficie di 482 km quadrati in una fascia di mare assai vicina alla costa.

“Tutto ciò appare insensato, nonché devastante, se la compagnia otterrà tutte le autorizzazione da parte degli Enti preposti ad iniziare dal Ministero dell’Ambiente ad effettuare le ricerche” dicono i consiglieri del PDL in una nota stampa.

“L’aera marittima – si legge nella nota – è piena di riserve naturali, banchi corallini e zone di pesca, che verrebbero interdette sia alla navigazione che alla balneazione.

Sarebbe una vera iattura per l’intero territorio oltre che, l’area interessata è fortemente vulcanica e sismica (Isola Ferdinandea) e le perforazioni potrebbero interferire con fenomeni vulcanici secondari. Per non parlare di tutti quegli insediamenti turistici di livello Internazionale come quello di Ser Rocco Forte e di Sciacca mare che ne verrebbero fortemente danneggiati.

Nei prossimi giorni – concludono nella nota i consiglieri provinciali del PDL – chiederemo al Presidente della Provincia se tale scellerata iniziativa dovesse andare avanti, di appellarsi al TAR Sicilia alle eventuali autorizzazioni che la Società in questione dovesse ricevere da parte di tutti gli Enti preposti”.