Sciacca, la città ospita i Giochi della Gioventù

Sciacca ospita oggi i Giochi della Gioventù. Il sindaco Vito Bono e l’Assessore allo Sport Vincenzo Fazio ringraziano il Coni per avere scelto la città come location per questo importante appuntamento e danno il benvenuto ai piccoli atleti provenienti da diversi comuni della provincia di Agrigento.

Si attendono in città quasi un migliaio di ragazzini chiamati a sfidarsi in varie discipline sportive nella piazza Angelo Scandaliato. Una occasione, dunque, per far conoscere Sciacca ai piccoli atleti, ai loro insegnanti e alle famiglie. Sarà una festa dello sport, concludono il sindaco Vito Bono e l’assessore Vincenzo Fazio.
Il comando della Polizia Municipale ha predisposto un piano di viabilità per consentire il regolare e sicuro svolgimento della manifestazione.
Gli atleti arriveranno in pullman in mattinata. Gli automezzi si fermeranno al Viale delle Terme. I partecipanti ai Giochi si muoveranno in corteo verso il centro città, scortati dalla Polizia Municipale, attraversando Via Agatocle, piazza Friscia, Corso Vittorio Emanuele fino al raggiungimento di piazza Scandaliato.
La circolazione in Corso Vittorio Emanuele subirà delle modifiche. Sarà interdetto il transito da piazza Friscia, mentre si potrà circolare liberamente nella direzione di marcia opposta che da via Incisa conduce in piazza Friscia.

Gli automezzi che si trovano in piazza Friscia potranno proseguire per Via Licata, scendere per via Roma e, all’intersezione con Corso Vittorio Emanuele, svoltare a destra. Ci sarà, dunque, il doppio senso di circolazione nel tratto che dall’incrocio di Via Roma conduce in via Gerardi. Mentre ci sarà il senso unico nel tratto che dall’incrocio di Via Roma conduce in piazza Friscia.
Potranno circolare liberamente i mezzi pubblici, gli automezzi dei disabili e delle forze dell’ordine.
Per chi accede in auto in Corso Vittorio Emanuele, si raccomanda la massima cautela.
Si chiede ai cittadini di avere un po’ di pazienza per i disagi che si avranno alla circolazione veicolare.