Pronostico incerto nel 3° Slalom Città dei Formaggi

Monti Sicani in “fibrillazione” per lo svolgimento del 3° Autoslalom Città dei Formaggi, quinto appuntamento stagionale per il Campionato siciliano Acsi Slalom 2010, in programma sabato 22 e domenica 23 maggio a San Giovanni Gemini, nell’Agrigentino. La novità più ghiotta è rappresentata dal numero degli iscritti alla prova, una sessantina, sebbene si attendano comunque altre adesioni dell’ultim’ora da parte del comitato organizzatore, che fa capo all’Asd Palatinus Motorsport Capo d’Orlando (con al timone Calogero Mangano), nonché al Comitato regionale Acsi Sicilia, in questo caso collaborati dalla dinamica Gemini Corse (presieduta da Angelo Infantino) e dal Team Monti Sicani di Cammarata. Ad assicurare il loro sostegno alla manifestazione sono pure le Amministrazioni comunali di San Giovanni Gemini e Cammarata e la Provincia regionale di Agrigento, che hanno inteso in questa maniera promuovere i prodotti tipici locali, tra cui l’ottimo pecorino, pepato o “primo sale”.

Favorito principale per la vittoria finale nello Slalom dei Formaggi pare essere il trapanese Nicolò Incammisa. Il pilota nativo di Custonaci (recente vincitore dello Slalom della Conca d’Oro, a Palermo) punterà senza mezzi termini a conquistare il gradino più alto del podio, al volante della sua Osella PA 21S Honda schierata dalla Diemme Racing Palermo, in modo tale da sopravanzare nella classifica generale provvisoria del Campionato regionale Acsi 2010 il leader, il trapanese di Buseto Palizzolo Andrea Raiti, assente a San Giovanni Gemini poiché impegnato nella concomitante 56a Coppa Nissena. Raiti detiene come detto al momento la vetta della graduatoria della serie isolana Acsi con 32 punti, contro i 24 a disposizione di Incammisa, secondo assoluto. Quattro le prove sin qui disputate, tre ospiti sulla pista Concordia, ad Agrigento, l’altra sul kartodromo “Green Valley”, a Brolo, nel Messinese.

Ma a puntare in alto, molto in alto, saranno anche il giovanissimo ex kartista messinese Francesco Lombardo (già secondo assoluto nella gara disputata al “Green Valley”), alla caccia della prima vittoria della carriera sulla sua velocissima Fiat 126 Kawasaki ed il giarrese Rosario Miano, il quale, per una volta, abbandonerà la usuale Fiat 126 Suzuki per salire su un’Elia Avrio ST09 a motore motociclistico Suzuki. Tra gli “outsider” spiccano il mussomelese Paolo Piparo (recente vincitore “a tavolino” del Rally del Barocco Ibleo), su Peugeot 106 Gti 16v, il compaesano e specialista Biagio Mingoia, l’altro “slalomista” nisseno Maurizio Anzalone (entrambi con una Renault Clio Rs K) ed il novarese di Sicilia Alfredo Giamboi (Fiat X1/9). Ad imporsi lo scorso anno fu il pilota palermitano Fabrizio Minì, su A112 Abarth, mentre l’edizione del debutto, nel 2008, fu vinta dal busetano Giuseppe Gulotta (Osella), anche lui assente.

Migliorie tecniche sono state apportate al tracciato di gara (della lunghezza globale di 3 km), ricavato lungo la strada provinciale 24 (non lontano dallo Scalo ferroviario) che collega i due comuni di San Giovanni Gemini e Cammarata.