Agrigento. Oltre un milione e mezzo di euro per la messa in sicurezza del centro abitato

“Ancora una buona notizia per la nostra Città”: è il primo commento espresso dal sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, all’arrivo della comunicazione di ieri, da parte del dirigente del dipartimento regionale dell’ambiente, che comunica l’avvenuto finanziamento del “progetto degli interventi per il miglioramento dell’assetto idrogeologico del versante nord-est di Rupe Atenea a partire dall’alveo del fiume Ipsas”, presentato lo scorso anno dal Comune.

“E’ un’ulteriore prova della capacità dei nostri uffici comunali – continua Zambuto – nel predisporre i progetti che ci consentono di attingere alle risorse europee, Per tale progetto, infatti, arriveranno ad Agrigento 1.521.000 euro”.

Nel caso specifico il progetto partecipa ai fondi previsti per gli interventi di “messa in sicurezza delle aree interessate dai fenomeni di dissesto”, nell’ambito di quelli per il “miglioramento dell’assetto idrogeologico” previsti dal Piano operativo regionale del Fondo europeo per lo sviluppo regionale.

L’intervento consentirà la salvaguardia e la messa in sicurezza delle pendici del costone della Rupe Atenea sul quale insiste il bosco ed i vari uffici dell’Azienda sanitaria provinciale ed interessa anche le costruzioni della via Minerva e di via Giovanni XXIII, oltre al serbatoio idrico della zona.

Le opere che verranno realizzate sono finalizzate a mitigare l’erosione in atto (la Rupe ha una composizione calcarenitica) e ripristinare, a valle, la funzionalità del fiume Ipsas (san Biagio). I lavori, che verranno eseguiti con tecniche di ingegneria naturalistica e con l’uso di materiali biodegradabili, prevedono un piano di monitoraggio ed uno di manutenzione anche con l’intervento dell’Azienda delle foreste demaniali.