Polemica Muglia-Termine, intervento di Maria Grazia Brandara

Maria Grazia Brandara

“Cosi come avevo previsto, il mio Partito non è stato in condizione di fare la scelta di accogliere l’invito di Zambuto”.

Lo dichiara l’on Maria Grazia Brandara intervenendo sulla nota del presidente cittadino dell’UDC di Agrigento Calogero Termine.

“Scrive il presidente cittadino dell’UDC – dice Maria Grazia Brandara – che non c’è un problema di numero di assessorati ma di chiarezza sulla programmazione politica e amministrativa.

In verità  è, invece, a tutti chiaro che Zambuto ha inteso chiamare ad un “patto unitario” tutte le forze politiche per contribuire, tutti insieme, dopo il salvataggio già operato del dissesto finanziario, al decollo dell’economia, del lavoro e della vita sociale di Agrigento.

La città  ha bisogno di una forte coesione e non di divisioni o, peggio, di lacerazioni: e, poiché, i legami che annodano da tempo Muglia a Cuffaro non sono stati mai sciolti, scoperto ed inutile risulta il tentativo maldestro di mettere in polemica il rapporto fra i due, strumentalizzando una frase (innocente ma infelice) nel vano tentativo di nascondere l’incapacità del Partito di offrirsi -con il meglio della sua rappresentanza- non a Zambuto o a Muglia ma alla città come contribuente generoso alla sua crescita ed al suo rilancio.

Tutto il resto non serve, meglio restare con la bocca chiusa” conclude Maria Grazia Brandara.