Finanziaria: Bufardeci, “Da legge grande sostegno ad agricoltura”

L'assessore regionale Titti Bufardeci
L'assessore regionale Titti Bufardeci

“L’impianto complessivo della legge finanziaria mira al rilancio complessivo del settore dell’agricoltura. Abbiamo previsto interventi mirati, concertati con le parti sociali, che serviranno a far ripartire il mondo delle imprese agricole, alle prese con la piu’ grave crisi dal dopoguerra a oggi”.

Lo dice Titti Bufardeci, assessore alle Risorse agricole e alimentari, alla vigilia del voto di Sala d’Ercole sui documenti contabili dell’amministrazione regionale.

“Le misure piu’ importanti – spiega Bufardeci – prevedono di investire 12 milioni di euro che serviranno ad arginare la crisi con risorse destinate, nel rispetto del regime di aiuto in de minimis, ad alleviare i costi di gestione delle imprese agricole.

Altri 10 milioni saranno disponibili per le cosiddette passivita’ agrarie, mentre il capitolo dedicato al consolidamento dei debiti a lungo termini passa da 8 a 13 milioni di euro”.

Con la legge finanziaria viene rimpinguato il capitolo per i danni della peronospora, con una somma di circa 30 milioni di euro. “Per il settore vitivinicolo – spiega Bufardeci – tenendo fede a un preciso programma di riorganizzazione e riaggregazione del settore, arrivano altri 10 milioni di euro per la qualificazione della produzione, con un meccanismo che tenta di far unire le realta’ produttive piu’ e meno competitive proprio in ragione della dimensione operativa. Si dara’ un sostegno anche agli operatori vitivinicoli che vogliono investire in promozione nei mercati extraeuropei, con una somma di 5 milioni stanziata per integrare le risorse gia’ disponibili dall’Ocm del settore”.

Le norme della rubrica Agricoltura prevedono anche la costituzione di un fondo antiusura, che sara’ strutturato sulla base della normativa nazionale vigente. Novita’ anche nel campo della sicurezza e dell’educazione alimentare: “la finanziaria prevede l’attivazione di nuovi e piu’ serrati controlli sulla sicurezza alimentare, affidando questo compito alle strutture operative che l’assessorato ha sul territorio. Per incentivare i consumi di prodotti della terra e del mare verra’ destinato un milione di euro per iniziative di promozione verso le giovani generazioni”.