Cultura, Armao: “Musei patrimonio da valorizzare”

“L’immenso patrimonio museale della Sicilia sara’ gestito, valorizzato e tutelato grazie alle innovazioni introdotte anche in questo settore dalla riforma dell’amministrazione regionale varata a dicembre dello scorso anno”. Lo afferma l’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identita’ siciliana che, essendo impegnato nei lavori d’aula all’Ars, non ha potuto prendere parte al workshop “Museo e patrimonio: gestione sostenibile e sviluppo del territorio”, organizzato da “Erice la montagna del Signore”, progetto culturale della Diocesi di Trapani, in collaborazione con il comitato italiano di ICOM (International Council of Museums) e AMEI, (Associazione Musei Ecclesiastici Italiani), in corso oggi ad Erice, a Palazzo Sales.

“Stiamo lavorando – ha proseguito Armao – ad alcune proposte di riassetto funzionale che integrino quanto previsto dalla riorganizzazione regionale gia’ avviata, che consentano, ad esempio di realizzare un efficace partenariato pubblico e privato per la gestione dei servizi integrati nei nostri musei e siti. Il nostro obiettivo e’ innovare il settore dei beni culturali siciliani, garantendone l’assoluta tutela, la valorizzazione e la piena fruibilita’, coinvolgendo i privati nella gestione per attrarre sempre piu’ visitatori anche attraverso il miglioramento dei servizi ad essi resi”.

“Abbiamo in cantiere – ha dichiarato il dirigente generale del dipartimento regionale dei Beni Culturali e dell’Identita’ Siciliana, Gesualdo Campo, intervenendo al workshop – la possibilita’ di realizzare un percorso di integrazione dei musei regionali per circoscrizioni culturali. Immaginiamo reti museali orientate nelle tre valli siciliane, Val di Noto, Valdemone e Val di Mazara”.