Iacolino: “Contrastare i disturbi metabolici e le dipendenze alimentari attraverso la dieta mediterranea nei giovani in età scolare”

“La Commissione Europea non può sottrarsi all’inderogabile necessità di elaborare un programma di interventi nell’ambito delle dipendenze alimentari e dei disturbi metabolici con particolare riferimento a bambini e adolescenti”.

È quanto ha richiesto l’On. Iacolino con specifica interrogazione depositata in Parlamento Europeo nei giorni scorsi.

Si calcola che nell’Unione Europea i bambini obesi o sovrappeso aumentino di circa 500 mila unità all’anno ed in tal senso i fattori familiari risultano fondamentali, unitamente a stili di vita non appropriati, nello sviluppo dei disturbi metabolici.

“Recenti studi hanno inoltre dimostrato che l’obesità e il sovrappeso, in particolare nei bambini e negli adolescenti, provocano perdita di autostima e talvolta possono condurre a forme di dipendenza come alcol e tabagismo che a loro volta comportano costi sociali elevati per visite ambulatoriali, farmaci e medicina d’urgenza.

L’Unione europea – conclude Iacolino – deve pertanto incoraggiare una cultura della corretta alimentazione, soprattutto tra le giovani generazioni in età scolare, avvalendosi della dieta mediterranea, come modello nutrizionale che, se correttamente applicato all’alimentazione quotidiana, può rivelarsi strumento efficace per contrastare l’insorgere dell’obesità”.