Celebrato il 3° congresso provinciale del SILP-CGIL

congresso silpOggi 27 aprile 2010, presso la sala congressi dell’Hotel Dioscuri Bay Palace, in concomitanza con il 3° congresso provinciale e il SILP-CGIL, si è tenuto un convegno il cui titolo “Un decennio di coerenza: Più diritti per i poliziotti Più sicurezza per i cittadini“ oggetto di confronto e dibattito.

Sono intervenuti il Vice Prefetto Dr. Diomede, il Questore di Agrigento Dr. Di Fazio, Il Segretario Generale Provinciale della CGIL Mariella Lo Bello.

Ha concluso Federico Schillaci, Segretario nazionale SILP per la CGIL.

Il tema scelto pone con forza quello che è il liet motiv del SILP e che ne è stato il filo conduttore per tutti i primi dieci anni: “Salvaguardare il diritto  dei cittadini, costituzionalmente sancito, ad una sicurezza in grado di garantire quelle libertà di cui ogni uomo sente il bisogno”.

“Ma tali diritti non possono certo passare sulle spalle di migliaia di uomini delle forze dell’Ordine, senza che questi abbiano pienamente garantito il diritto a che il proprio lavoro sia interamente riconosciuto e valorizzato, nonché difeso e protetto” si legge in una nota diramata dal Sindacato.

“La sicurezza dei cittadini – prosegue la nota – non può non passare attraverso la sicurezza, economica e professionale, di chi dedica ogni giorno della sua vita lavorativa affinché ogni cittadino disponga delle sue libertà.

Questa Organizzazione Sindacale non vuole lanciare parole al vento, non vuole che il proprio lavoro sia un vuoto esercizio retorico, dedito soltanto al proselitismo, ma si pone un unico obbiettivo, che è quello indicato nel tema del convegno.

Ed è per questo che non cerca mai uno scontro frontale con le istituzioni, magari con il fine di far vedere che ci siamo. Abbiamo uno scopo: salvaguardare i diritti e il lavoro di migliaia di poliziotti. Preferiamo lavorare sotto traccia ma avere la soddisfazione, molto spesso riconosciuta da coloro che sono i nostri datori di lavoro, di aver contribuito in numerose circostanze alla risoluzione dei problemi dei poliziotti.

Oggi più che mai, in considerazione anche del nuovo Accordo Nazionale Quadro, che da al sindacato, finalmente, la possibilità di poter sedersi dietro ad un tavolo con l’Amministrazione e poter dare un nuovo contributo per la difesa dei diritti dei poliziotti.

Non ci nascondiamo però dietro ad un dito e non vogliamo però  tacere quelli che sono i problemi che affliggono gli Uffici di Polizia di questa provincia. Non possiamo non parlare di un organico ridotto al minimo. Abbiamo un organico inferiore a quello di venti anni fa ma con un carico di lavoro, come è facile rendersi conto, enormemente superiore.

Non ci riferiamo alla sola Questura, bensì a tutti gli Uffici di questa Provincia: dalla Polizia Stradale alla Ferroviaria, dalla Polizia Postale e delle Telecomunicazioni alla Frontiera. Nessuno è stato escluso dalla mannaia del mancato turn over in più di venti anni di mancata programmazione.

È vero che la problematica degli sbarchi, sino ad un anno fa vera e propria emergenza, sembra non essere più tale, ma questo non può giustificare il mancato invio di personale numericamente adeguato.

Superfluo ripetere che solo l’abnegazione di tutte le centinaia di lavoratori della Polizia in questa Provincia riescono a garantire un accettabile  standard di sicurezza” conclude la nota.

La conclusione dei lavori congressuali, ha determinato la riconferma di Vito Alagna come Segretario Generale del SILP per la CGIL; sono stati altresì nominati componenti della segreteria Provinciale: Giuseppe Ambrogio; Francesco Curto; Salvo Grech; Dario Nocera; Fabio Sciacca, Carmen De Fazio e Massimo Zicaro. Ai quali si aggiungono i componenti del direttivo Provinciale: Giuseppe Bonasera; Gaetano Bareschino; Angelo Bulone; Francesco Craparotta; Carmen De Fazio; Fabio Fabiano; Gianfranco Gandolfo; Francesco Marrella; Salvatore Montana; Filippo Nieli; Alfonso Riina; Carmelo Savarino; Mario Scalavino; Giuseppe Tricoli; Carmelo Tuttolomondo.