Atipico spettacolo al “Pirandello” questa settimana

teatro prandello“Ho ancora vivo il ricordo dell’enorme successo ottenuto da Leo Gullotta con “Il piacere dell’onestà” di Luigi Pirandello che da giovedì a domenica ha visto nel nostro teatro non solo gli abbonati, ma anche e soprattutto tantissimi giovani entusiasti nell’opera rappresentata”.

Con queste parole il sindaco Marco Zambuto ricorda come l’attuale stagione del “Pirandello” stia incontrando il favore di svariate fasce di cittadini, mentre questa settimana il cartellone propone un’opera molto originale. Si tratta dello spettacolo di Tomas Kubinek, “lunatico certificato e maestro dell’impossibile”.

Sul palco agrigentino si esibirà un grande artista di fama internazionale che frequenta da anni i teatri di tutto il mondo affascinando il pubblico con spettacoli esilaranti, poetici, assurdamente buffi.

Comico dai molteplici talenti, diventa, durante lo spettacolo, un autentico “poeta visivo”. Questo clown americano, originario della repubblica cèca, per la prima volta in tour in Italia, si trasforma in mago, equilibrista, mimo, attore… senza per questo ridursi ad una qualsiasi di queste categorie.

In realtà, qualsiasi termine si usi per definirlo, o qualsiasi mezzo artistico lui utilizzi, Kubínek riesce ogni volta a raggiungere il suo obiettivo, perché la sua dolce follia seduce ogni volta i piccoli ed i grandi. Le sue scene sono recitate in modo tale che il pubblico non vede l’ora di assistere alla scena successiva. Le gag si accavallano con una deliziosa frenesia che viene esaltata da un’incredibile precisione gestuale. Il “Maestro” si rivela allora come il portatore di un umorismo completo e profondo, fatto di poesia e di umiltà. Lo studio, unito all’incessante sperimentazione nel campo dello spettacolo dal vivo, lo ha portato alla creazione dei suoi show premiati in tutto il mondo e rappresentati in teatri, festival e spettacoli televisivi. Tomáš Kubínek ha avuto la fortuna di collaborare con alcuni brillanti artisti teatrali di livello internazionale nella repubblica cèca, negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna.

Anche per quest’opera sono previste le repliche di giovedì 11 marzo, alle ore 20,30, venerdì 12 alle ore 17, sabato 13 nuovamente alle ore 20.30 ed, infine, domenica 14 marzo alle ore 17.
I biglietti sono in vendita presso il botteghino del teatro a partire da giovedì 11 marzo, dalle ore 10 alle 13 e dalla ore 14 alle 18 ed un’ora prima dell’inizio dello spettacolo. Sono comunque già attive la biglietteria de “Il Sestante”, sita in via Platone, e quella del “Box Office” di via Cicerone, dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16 alle 19,30. Il prezzo del biglietto è sempre di 20 euro per i posti di platea o di palco di prima fila e di 15 euro per i posti di palco in seconda fila.

Si ricorda che, per favorire la partecipazione degli ospiti della città, soltanto per assistere alla “prima” di giovedì è prevista una riduzione di 5 euro del costo del biglietto da acquistare esclusivamente attraverso i titolari delle strutture ricettive agrigentine. Rimane inoltre il prezzo speciale di 7 euro, per tutte le quattro repliche, riservato ai giovani fino a 18 anni ed agli universitari.