Rifiuti: potenziato ufficio ispettivo per vigilanza su enti locali

Potenziato l’organico dell’Ufficio ispettivo per la vigilanza e il controllo degli enti locali del Dipartimento regionale delle Autonomie Locali.

L’integrazione si e’ resa necessaria a seguito dell’incremento del numero di interventi sostitutivi della Regione a carico dei Comuni, per assicurare i livelli minimi essenziali del servizio di gestione dei rifiuti. A incrementare la dotazione organica dell’Ufficio saranno 7 dirigenti, 10 funzionari e 6 istruttori, in servizio presso il Dipartimento regionale dell’Acqua e dei Rifiuti dell’assessorato dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilita’.

“E’ un esempio virtuoso – spiega l’assessore regionale per le Autonomie Locali e la Funzione Pubblica, Caterina Chinnici – di sinergia tra i diversi rami di amministrazione, con l’obiettivo, prioritario per questo governo, di tentare di risolvere quello che e’ diventato un problema serissimo. E’ necessaria la collaborazione di tutti, per evitare che la Sicilia si trasformi in una discarica a cielo aperto”.

I 23 dipendenti regionali continueranno a lavorare presso il dipartimento di appartenenza e saranno utilizzati dall’Ufficio ispettivo solamente per le problematiche relative alla gestione dei rifiuti e nei casi in cui si rendesse necessario il loro utilizzo per svolgere funzioni di accertamento o sostituzione presso gli enti locali.

Il decreto che dispone l’integrazione dell’Ufficio, a firma del dirigente generale del Dipartimento Autonomie Locali, Luciana Giammanco, e’ gia’ disponibile sul sito internet dell’assessorato e sara’ pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana.