La Provincia di Agrigento capofila di progetti finanziati dalla Unione Europea

La Giunta provinciale presieduta dal presidente D’Orsi, su proposta dell’Assessore Giuseppe Arnone, ha approvato una delibera con la quale sono stati approvati cinque progetti comunitari riguardanti la cooperazione Italia-Tunisia.

“Agro Energia – Una risorsa per lo sviluppo del Mediterraneo” (ATA), proposto dalla “SISTEMI AMBIENTALI SRL” di Siracusa, utilizzerà le somme della misura 2.3 del programma di Cooperazione Transfrontaliera “ENPI Italia-Tunisia 2007/013”, per una durata di 24 mesi,  importo complessivo di €. 792.000,00, di cui il 90%  finanziato dall’ UE. Il progetto suddetto ha come obiettivo lo studio, la ricerca e l’implementazione di impianti idonei alla produzione energetica proveniente da fonti rinnovabili attraverso la creazione di un circuito di produttori di agro energie nell’area del Bacino del Mediterraneo, contesto nel quale assurgono ad elemento di eccellenza la posizione sinergica della provincia di Agrigento e la sua specifica vocazione agricola con una particolare rilevanza ai fini della promozione dello sviluppo economico sostenibile in provincia di Agrigento.

Il secondo progetto “INTERPRETE ENOGASTRONOMICO DEL MARE BIANCO”, proposto dal Centro Studi INTERFORM di Palermo  che utilizza le somme previste dalla misura 3.3 del programma di Cooperazione Transfrontaliera “ENPI Italia-Tunisia 2007/013”, per una durata di 24 mesi per un importo complessivo di €. 407.500,00 di cui il 90%  finanziato dall’ UE, prevede un partenariato composto da soggetti provenienti dai territori previsti nel programma di finanziamento (Sicilia e Tunisia), inclusa la  Provincia Regionale di Agrigento.

Il terzo progetto “TIME TO MARKET”, a valere sulla misura 1.1 del programma di Cooperazione Transfrontaliera “ENPI Italia-Tunisia 2007/013”, avente la durata di 24 mesi per un importo complessivo di €. 600.000,00 di cui l’ 87% finanziato dall’ UE proposto dalla MKTG Soc, Coop di Palermo, ha come obiettivo l’integrazione della filiera agricola della provincia di Agrigento con la filiera del Governatorato tunisino scelto per un rafforzamento delle filiere di commercializzazione attraverso la creazione di associazioni di produttori/consorzi di carattere transnazionale per lo scambio di esperienze con particolare riferimento alla tracciabilità con una evidente ricaduta sullo sviluppo economico del settore agricolo in provincia di Agrigento.

Il quarto progetto presentato dall’Università di Palermo “S.t.a.r. misura 1.3 si propone di studiare geologicamente e geofisicamente il canale siculo tunisino, che fornisca le conoscenze base per la valutazione del rischio da onde di tzunami in siti particolarmente vulnerabili.

L’ultimo progetto “CO.S.T. – T.R.I.M. COOPERAZIONE SICILIA TUNISIA PER IL TURISMO RELAZIONALE INTEGRATO NEL MEDITERRANEO”, che utilizza la misura 1.1 del programma di Cooperazione Transfrontaliera “ENPI Italia-Tunisia 2007/013”, per una durata biennale dall’ importo complessivo di €. 800.000,00 di cui il 90% finanziato dall’ UE è stato proposto da la XSERIA Srl di Palermo focalizzando le proprie risorse sul settore dell’industria turistica integrata transfrontaliera nel bacino mediterraneo. Questo progetto mira allo sviluppo di un turismo verde sostenibile e di un turismo culturale con particolare attenzione alla promozione di prodotti turistici innovativi, alla produzione locale ed agroalimentare, ai beni culturali.