Istituite la ZTL nel quartiere “San Domenico” e aree di sosta in via San Giacomo

Lo scorso 12 febbraio è stata emessa l’ordinanza sindacale n. 37, tramite la quale è stata istituita una Zona a Traffico Limitato all’interno del quartiere San Domenico.

L’accesso al quartiere, che si snoda dalla principale Via Orfane, è stato chiuso al traffico veicolare esterno permettendo il transito e la sosta ai soli veicoli dei residenti ed eventuali operatori titolari di attività ubicate nel quartiere.

Si tratta di un provvedimento di grande importanza e rilevanza per il nostro quartiere, perseguito per molto tempo dal Comitato, che ne ha prospettato l’esigenza e le necessità all’Amministrazione.

Altrettanto gradita la regolamentazione della sosta eseguita nel vicino quartiere gemello di San Giacomo.

Problemi annosi, che da troppo tempo rendevano difficile il quieto vivere e la sicurezza.

Un quartiere quotidianamente percorso da centinaia di veicoli che si avventuravano in cerca di sosta (per via dei diversi uffici siti nella vicina p.zza Pirandello, come di eventi nell’omonimo teatro) benché, nella quasi totalità dei casi, pochissimi riuscivano nell’impresa. Come effetto, un’inutile “via vai” di mezzi a contendersi una decina di posti auto al massimo, intralciandosi costantemente a vicenda per le costipate e impervie strade di un quartiere con un unica arteria di entrata/uscita: la via Orfane.

L’inquinamento acustico e da gas di scarico che ne derivava, anche a causa della morfologia delle strade, eccedeva la più ampia tolleranza.

La sicurezza dei pedoni era compromessa dall’assenza di marciapiedi, costringendoli spesso a rifugiarsi tra le auto in sosta per far defluire gli ingorghi del momento. A risentirne, anche l’ordine pubblico: compromesso dal fenomeno di “annoyance”, dall’accresciuta percorrenza pedonale che richiamano le strutture di accoglienza del quartiere, dalla difficoltà di un’adeguata sorveglianza da parte delle forze dell’ordine e dei mezzi di emergenza (ambulanze, vv.ff., etc.), anch’esse talvolta cinte dal traffico o dall’indisponibilità di posti per la sosta.

Non da meno il diritto alla sosta per i residenti: già in sofferenza per una disponibilità di posti auto di appena il 50%, rispetto alle sole esigenze di questi ultimi. Una percentuale che era ulteriormente ridotta – a lumicino – dagli accessi esterni degli avventori.

“La sensibilità che l’Amministrazione ha voluto mostrare a tali problematiche è senza dubbio encomiabile – dice il portavoce del comitato di quartiere Giovanni Vullo.

Il Comitato di Quartiere “San Domenico” si fa ancora una volta portavoce dei suoi cittadini iscritti, ma stavolta per ringraziare l’impegno mostrato dal sindaco Marco Zambuto, dall’assessore Francesco Iacono e dal già comandante della P.U. Virgilio Ferrante, assieme a tutto lo staff che si è impegnato nell’esame della nostra istanza, cogliendo altresì l’occasione per un sentito benvenuto e augurio di buon lavoro al nuovo comandante del P.U., Cosimo Antonica, che saremo molto lieti di poter incontrare al più presto.

Il CdQ sta già invitando i residenti a munirsi dei Pass prescritti, anche attraverso manifestini affissi per le vie.

Oltre 70, le persone che nella sola giornata di ieri si sono avvicendate presso la sede del Comitato, manifestando la loro soddisfazione per il provvedimento emesso e una rinnovata fiducia nell’Amministrazione Zambuto. I volontari del CdQ hanno cercato di fornire le prime informazioni sulla modulistica da presentare per l’ottenimento dei Pass, indirizzando gli aventi diritto presso l’Ufficio Gestione e Rilascio Pass del Comune di Agrigento (Villaseta).

E’ apparso chiaro che questo primo provvedimento abbia ridonato fiducia ai nostri Residenti; molte, infatti, sono ancora le problematiche che attanagliano il quartiere, riuscendo oggi a credere che l’Amministrazione può esserci altrettanto vicina nell’ascolto e nella ricerca delle altre soluzioni necessarie, alle quali il Comitato sta già lavorando” conclude Vullo.