Agrumi: Sicilia, bando per conversione in succo prodotto ritirato

Dopo aver pubblicato il bando per il ritiro di cinquantamila tonnellate di arance da destinare alla trasformazione in succhi per aiuti umanitari, arriva un altro passo avanti dell’amministrazione regionale per portare a compimento gli aiuti previsti dalla norma a favore del settore arancicolo, inserita nella legge sull’agriturismo.

Il dipartimento per le risorse in agricoltura ha infatti predisposto lo schema di richiesta di offerta per la conversione in succhi del prodotto agrumicolo che verra’ ritirato dal mercato. La domanda presentata alle organizzazioni prevede la suddivisione in dieci lotti da cinquemila tonnellate ciascuno.

Per partecipare all’assegnazione dei lotti, gli imprenditori del settore della trasformazione dovranno comunicare, tra l’altro, il quantitativo di succo di arancia rosso al 100%, confezionato in gable-top, con tappo a vite, da 1.000 ml, che intendono riconoscere come controvalore in riferimento a ciascuna tonnellata di prodotto fresco e per singolo lotto, nonche’ il servizio di confezionamento e pallettizzazione per il successivo invio per aiuti umanitari.

Le offerte dovranno essere presentate secondo le modalita’ indicate nello schema pubblicato dall’amministrazione regionale. Il bando scade il prossimo 3 marzo. Il programma a favore del settore agrumicolo e’ stato reso possibile grazie a un emendamento del governo regionale, a firma dell’assessore alle risorse agricole Titti Bufardeci.

La dotazione finanziaria e’ di 12,5 milioni di euro.