Black out anche in via Callicratide

Al blackout che continua ad interessare da domenica notte via Maddalusa e stradelle perpendicolari, si aggiunge quello della via Callicratide. La popolosa arteria del centro agrigentino (che non poteva essere da meno rispetto alla cugina sanleonina) è infatti al buio. Si aprono le scommesse sui nomi delle prossime vie “sotto i riflettori”.

I passanti meno distratti si saranno sicuramente beati della maestosa vista rappresentata dai palazzoni della via Pietro Nenni ammantati del
caratteristico, purpureo, alone d’umidità; difficilmente i frettolosi automobilisti faranno caso all’imprudente passante che, puntuale come un centometrista, dovesse decidere di compiere lo scatto dell’ultimo istante.

A pochi metri di distanza, nel tratto che congiunge via Acrone alla via Esseneto, la città a vocazione turistica ha deciso di allestire, per compiacere i turisti attirati dalla sessantacinquesima Sagra del Mandorlo in Fiore, una particolare installazione artistica: la recinzione a guardia del pezzo di strada in cedimento è stata infatti divelta dalle intemperie.

Alessandro Sardone