Agrigento, tra maleducazione e senso civico. Intervento di Claudia Casa

foto amiantoAd Agrigento il senso civico e la maleducazione convivono a pochissima distanza l’uno dall’altra.

Il nostro territorio, purtroppo, è disseminato di queste “contraddizioni” che dimostrano come una parte, quella appunto degli incivili – forse minimale e forse no – riesca a tenere in scacco l’altra, che vorrebbe vivere in un ambiente sano e che invece deve subire continue mortificazioni ed offese alla propria dignità ed a quella della città.

L’ultimo esempio di queste contraddizioni lo abbiamo rinvenuto lungo la strada che collega Via Panoramica dei Templi con il Cimitero di Bonamorone. Da un lato della strada insiste la villetta che l’anno scorso è stata mirabilmente recuperata e consegnata alla città dai ragazzi della Cooperativa Sociale “Casa Amica”.

Dall’altro lato della strada, esattamente nei pressi della piazzetta che funge da parcheggio, i “soliti ignoti” hanno abbandonato vicino ai cassonetti dei rifiuti un recipiente ed alcune lastre di amianto, incuranti delle norme che vietano tassativamente il conferimento di questo materiale altamente pericoloso alla stessa stregua e con le modalità previste per  i rifiuti domestici.

Potremmo citare decine e decine di casi similari che, per l’appunto, offendono il nostro territorio ed attentano quotidianamente alla salute di tutti. Ma ci piacerebbe, magari di tanto in tanto, apprendere  dalle cronache anche di qualche sanzione elevata a carico dei maleducati, degli irresponsabili e degli incivili da parte di chi è preposto, sulla carta, al controllo ed alla repressione di queste attività, che costituiscono a tutti gli effetti reato contro l’ambiente e contro la salute pubblica!

E questo, invece, non è, con buona pace di tutti noi che continuiamo a credere che un mondo diverso è possibile … e forse siamo solo degli illusi!

Claudia Cassa