Volley, bella affermazione dell’Aphesis

Straordinaria impresa dell’Aphesis nell’undicesima giornata del campionato regionale di volley femminile. Il sestetto guidato da Diego Sutera ha conquistato l’intera posta in palio nella sfida che vedeva Francesca Romeo e compagne di fronte alla capolista Ortofruit Ribera, che fino ad ora aveva fatto campionato a sé.

Il pubblico del PalaHamel difficilmente dimenticherà la prestazione offerta sabato pomeriggio dalle proprie beniamine. Assenze di rilievo dall’una e dall’altra parte, in primis Mary Rizzo ancora lontana dal parquet in casa Aphesis, cui va aggiunta Emanuela Scalia, che è stata quasi tutto il tempo in panchina (le due ragazze erano state coinvolte qualche settimana fa in un incidente stradale) e il capitano Teresa Ferrano, indisponibile per la formazione del presidente Salvatore Sarullo.

Per il resto gli organici a disposizione dei due tecnici erano di alto livello. Diego Sutera poteva contare sulla abilità in regia di Francesca Romeo e sugli attacchi di Antonella Spina, Francesca Parisi e Giusy Siracusa (come già detto, solo nel finale ha giocato Emanuela Scalia, al fine di riprendere confidenza con il parquet).

Al centro della formazione aphesisina hanno alzato le barricate Sasha Gebbia e Katia Cutaia, mentre nel ruolo di libero, a protezione dai potenti attacchi delle altissime schiacciatrici riberesi, Giovanna Azzaretto e, in diversi momenti della gara, anche Rosanna Romano. A completare l’organico, a disposizione del coach Sutera, oltre a Emanuela Scalia, la palleggiatrice Cinzia Zucchetto e le schiacciatrici Carla Schembri e Elena Chiari. Sospinta dal numeroso pubblico, che non ha mai fatto mancare il proprio sostegno con cori, trombe e tamburi, l’Aphesis è partita con un ritmo elevatissimo che ha colto di sorpresa il Ribera.

Il primo set è scivolato via chiudendosi sul 25-18. Pronta la replica della formazione di Tani Frinzi Russo che cominciava, a partire dal secondo set, a inanellare micidiali colpi con le proprie schiacciatrici, ma stupiva la compattezza della formazione di casa, per nulla intimorita, che rispondeva colpo su colpo. Ne veniva fuori un set condotto punto a punto ed erano le locali a spuntarla sul 25-23.

Stessa storia nel terzo parziale, ma con un finale molto più incerto per via di ben tre match point annullati all’Aphesis e di due set point neutralizzati al Ribera. Alla fine la spuntava ancora l’Aphesis che chiudeva l’interminabile set sul 29-27, a cui seguivano le comprensibili scene di tripudio delle aphesisine e l’applauso del pubblico a tutte le protagoniste della gara.

Con la vittoria l’Aphesis conquista l’intera posta in palio e raggiunge in vetta l’Ortofruit Ribera, insieme all’Elettronica Cicala di Palermo pure vittoriosa per 3 a 0 nel fine settimana. Non c’è manco il tempo di rifiatare che sabato prossimo è in programma la temibilissima trasferta in casa del forte Villabate, vittorioso ad Aragona in questa giornata.

Nella mattinata della domenica, le piccole di casa Aphesis, che disputano il campionato provinciale di prima divisione, hanno coronato lo straordinario weekend, battendo al PalaGiglia di Favara la formazione del Volley Club Kabbika di Casteltermini. Il risultato finale di 3 a 1 è frutto di quattro parziali tutti giocati sul filo di lana, ad eccezione dell’ultimo, come recita il punteggio: 26-24, 28-26, 20-25 e 25-14, a dimostrazione che le ragazze dirette da Salvatore Lana sanno tenere ben saldi i nervi e la concentrazione nei momenti topici della gara