Iacolino: “L’Europa dei diritti della persona che tutela i lavoratori”

“L’Europa dei diritti della persona, della cooperazione fra P. E. e Nazionali, ma anche quella del dovere di accoglienza e di solidarietà che il Parlamento Europeo, rafforzato nei suoi poteri con il Trattato di Lisbona, deve sostenere con decisione. Un’Europa che guarda fuori dai propri confini per far del Mediterraneo un’area di sviluppo economico e sociale e, con l’auspicio, di rendere finalmente giustizia alla centralità della nostra Isola. Alimentando i rapporti di cooperazione commerciali con i paesi del Maghreb, Marocco, Tunisia, Libia, con l’Egitto e le Regioni della sponda Asiatica, attraverso nuovi accordi di Associazione che servano a regolare i flussi migratori e sostenere iniziative imprenditoriali in quei territori. Accogliendo con il permesso di asilo unico europeo chi non ha diritto di cittadinanza nei Paesi d’origine, collegando i flussi migratori – equamente distribuiti i tutti i paesi dell’Unione Europea -alle effettive esigenze del mercato del lavoro e contrastando con fermezza, la tratta degli esseri umani e lo sfruttamento dei lavoratori stagionali. Mi recherò con la mia Delegazione in Libia per valutare lo stato di attuazione dell’accordo bilaterale con l’Italia – che pure ha funzionato – per garantire la tutela effettiva dei diritti delle persone rimpatriate. Ed, ancora, interverremo con proposte chiare e puntuali perché la nuova disciplina europea collegata al dovere di accoglienza, sul lavoro stagionale degli immigrati, elimini le furberie dei datori di lavoro e nel contempo, tuteli concretamente il lavoratore regolare”.

E’ quanto ha affermato  l’Europarlamentare Salvatore Iacolino durante il suo intervento nei  lavori del convegno “Politiche di sviluppo e sicurezza dei Paesi del mediterraneo alla luce del trattato di Lisbona” tenutosi presso la sala Gialla dell’Assemblea Regionale Siciliana, con l’introduzione  del Presidente Francesco Cascio e le conclusioni affidate  al Ministro Angelino Alfano.

Erano presenti il Procuratore di Palermo Dott. Francesco Messineo,il Presidente del Tribunale di Palermo Dott. Giuseppe Rizzo ,il Presidente del TAR  Sicilia Dott. Giorgio Giallombardo, il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Palermo Enrico Sanseverino, il rappresentante italiano in Eurojust Francesco Lo Voi ,Autorità militari e  numerosi deputati nazionali e regionali. Hanno assistito ai lavori oltre 300 avvocati. Sono intervenuti al suddetto convegno nella qualità di relatori, il Procuratore Generale Corte d’Appello di Palermo Dott. Luigi Croce, il Prof. Avv. Giovanni Pitruzzella – Ordinario di Diritto Costituzionale,   la Dott.ssa Daniela Troja – Giudice del tribunale di Palermo,e  il Dott. Giovanni Tulumello – Magistrato del TAR Sicilia.