Rifiuti, intervento dei consiglieri provinciali del PD

I consiglieri Provinciali Nicola Testone, Stefano Girasole e Ezio Di Prima esprimono la loro personale solidarietà alle famiglie ed ai lavoratori della ditta SAM che non percepiscono lo stipendio da circa quattro mesi.

“Alla luce di quanto dichiarato dal Sindaco della città di Sciacca Dott. Vito Bono che ha versato nelle casse della Sogeir nell’ultimo periodo tre milioni di euro ottenuti dalla Regione, per far fronte alle esigenze debitorie che la Sogeir ha accumulato nei confronti della ditta SAM e altre che vantano crediti, appare  incomprensibile l’atteggiamento degli amministratori della Società d’Ambito, i quali ad oggi hanno solo in minima parte provveduto a ripianare i debiti accumulati” dicono i consiglieri.

“Ancor più grave – proseguono – appare la dichiarazione del Presidente Marinello di usufruire per tali servizi di altri stabilimenti appartenenti a società dislocate fuori dal nostro territorio, con gravi conseguenze per i lavoratori, per la ditta e per l’intera economia saccense, posto che la SAM rappresenta un’importante realtà economica.

In un momento in cui ad ogni livello, sia politico  che religioso (intervento del Papa) si è impegnati in una azione che mira a salvaguardare e a garantire il lavoro, tale dichiarazione è incomprensibile alla luce della  crisi economica ed  occupazionale che stà attraversando  la nostra già martoriata  provincia, che vede così l’ipotesi non di creare nuove situazioni occupazionali, ma addirittura di ridurle.

Bisogna ricordare ai vertici della Sogeir che gli stessi amministrano denaro pubblico e, pertanto, devono rendicontare del loro operato non solo a chi di dovere, ma all’intera opinione pubblica.

Attendiamo risposte in merito all’utilizzo dell’intera cifra di tre milioni di euro già versata dal Comune di Sciacca, sperando che la stessa non sia stata utilizzata per altri fini.

Invitiamo il Presidente della Provincia, nella qualità di socio azionista della Sogeir, di farsi promotore della convocazione di una assemblea straordinaria di tutti i soci, che abbia come primo punto all’O.d.G. la salvaguardia dei posti di lavoro degli operai e l’esame della situazione debitoria della Sogeir” concludono Testone, Di Prima e Girasole.