Bollette e diritti

girgenti_acqueCaro Direttore,

anch’io, come tantissimi agrigentini, ho ricevuto la bolletta dell’acqua per un importo, nel mio caso, di oltre 600 euro. Esaminandola attentamente, ho notato che la bolletta in questione non riguarda, come dovrebbe, l’anno 2009 ma ingloba anche larga parte del 2008. Tutto questo ha comportato il fatto che, nell’unica bolletta che mi è stata recapitata, la maggior parte dei mq d’acqua consumati, sono stati spesati secondo la terza fascia, cioè la più cara come anche, in proporzione, il servizio di depurazione, di fognatura ecc.

Mi sono recato presso la sede della Girgenti Acque per chiedere chiarimenti e se era possibile rifare i conti alla luce di quanto sopra esposto, considerando cioè separatamente i consumi del 2008 da quelli dei 2009 ma mi è stato risposto che quanto da me richiesto non era possibile, adducendo tra l’altro, che non era stato possibile effettuare la lettura del 2008 (per mancanza loro, aggiungo io) e che quindi non potevano sapere l’effettivo mio consumo per il suddetto anno. Morale della favola, niente riconteggio, niente di niente. Bisogna pagare e basta.

Ora, è mai possibile che un cittadino debba supplire di tasca propria alla disorganizzazione ed al pressapochismo altrui senza poter far valere le proprie buone ragioni?  E a chi, soprattutto, ci si deve rivolgere affinchè i propri diritti ad una bolletta trasparente, intellegibile e soprattutto ben calcolata, vengano rispettati.

Distinti Saluti. Franco Tornamè