Teatro Regina Margherita, successo per l’Enrico IV di Ugo Pagliai

E’ stato un tripudio, una performance da tutto esaurito.
Luigi Pirandello nella terra di Leonardo Sciascia, al Teatro Regina Margherita di Racalmuto, per superare quella sottile ed ammorbante paura di vivere e soprattutto, prigionieri delle convenzioni, per tentare di sconfiggere la paura di amare un luogo, una o più persone, una o più storie, per rivivere una leggenda del teatro italiano ed internazionale.

E già, è la verità, con Luigi Pirandello, il sapore della vita, il senso di una follia individuale e collettiva, ha assunto le sembianze di due insuperabili e superbi protagonisti della scena teatrale italiana, per l’appunto Ugo Pagliai e Paola Gassman.

Alla presenza del classico pubblico delle grandi occasioni, con qualche inatteso e graditissimo ospite, tra gli altri il racalmutese Camillo Bordonaro, presidente del Consiglio Comunale di Vercelli, La Compagnia dei due monumenti del Teatro Italiano, diretta dal regista Paolo Valerio, ha dato il meglio di sè, con una toccantissima, straziante ed altamente coinvolgente interpretazione di Pagliai.

E la stagione al teatro di Racalmuto continua, con il prossimo appuntamento, il 18 dicembre 2009, con Marina Suma, protagonista dell’allestimento di Pene D’amor Perdute di William Shakespeare, per la regia di Stefano Artissunch.