Anche ad Agrigento cittadini “In marcia per il clima”

Il summit dell’Onu, che si apre oggi nella capitale danese ed i cui lavori si protrarranno sino al 18 dicembre, assume i caratteri di un appuntamento fondamentale e improrogabile, nell’ambito del quale il nostro Paese e l’Unione Europea sono chiamati a svolgere un ruolo di protagonista, assumendo precise responsabilità, impegnandosi in termini di riduzione delle emissioni di CO2 e di sviluppo delle rinnovabili ed affrontando le questioni chiave che ancora impediscono il raggiungimento di un accordo globale.

Definire un’agenda inderogabile e puntuale di impegni: è questo quello che si chiede al Governo Italiano da parte degli oltre 15 milioni di cittadini appartenenti o simpatizzanti delle tante associazioni che fanno capo alla Coalizione “IN MARCIA PER IL CLIMA” (*). Adoperarsi per eliminare lo spreco di energia che serve per illuminare, riscaldare e rinfrescare le nostre case; migliorare l’efficienza energetica di industrie e trasporti; valorizzare il contributo dell’agricoltura; far posto alle fonti energetiche rinnovabili, sicure e non inquinanti, che rappresentano anche un’occasione di sviluppo per il nostro sistema produttivo e di lavoro dignitoso per molti dei nostri giovani; adoperarsi per introdurre l’obiettivo di fermare la deforestazione e le emissioni associate a livello globale entro il 2020 e nelle aree critiche entro il 2015.

E anche ad Agrigento ed in Sicilia, in contemporanea con lo svolgimento dei lavori del vertice di Copenaghen, non mancheranno le iniziative a supporto della Coalizione “In marcia per il clima”.

Si comincia già domani, martedì 8 dicembre, con la FOTO-NOTIZIA: per il lancio della mobilitazione popolare verranno infatti pubblicate sul sito www.centopiazzeperilclima.it una serie di foto-notizie, che ciascun circolo territoriale di Legambiente realizzerà esponendo lo striscione “Fermiamo la febbre del Pianeta” nei luoghi-simbolo delle città italiane. Ad Agrigento lo striscione verrà srotolato davanti al Tempio della Concordia. La foto sarà realizzata appunto domani mattina. L’appuntamento per tutti i soci, amici e simpatizzanti di Legambiente è per le ore 09:45 davanti la biglietteria a monte della Via Sacra, accesso dal Tempio di Giunone.

Sabato 12 dicembre, invece, sarà la volta di “CENTO PIAZZE PER IL CLIMA”: a Termini Imerese, una grande manifestazione a carattere regionale per il clima, contro il nucleare  ed a sostegno dei lavoratori dello stabilimento FIAT. L’iniziativa si articolerà in una piazza tematica, animata da interventi su cambiamenti climatici, energie rinnovabili, questione nucleare, sviluppo sostenibile dell’area industriale di Termini. Sono previsti anche un concerto, degustazioni di prodotti a km. zero, mostre ed altre attività di animazione. Teatro della manifestazione, dalle 09:30 alle 14:00, sarà Villa Palmeri (nei pressi di Piazza Duomo). Da Agrigento muoverà verso Termini Imerese una folta delegazione agrigentina di Legambiente.

Il momento conclusivo della mobilitazione popolare, in tutta Italia, si avrà alle ore 18:00 di  venerdì 18 dicembre, quando simbolicamente verrà organizzato il brindisi augurale per le decisioni che verranno prese dai Governi dei Paesi riuniti a Copenaghen. Ad Agrigento il brindisi sarà proposto, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, in Piazza Stazione, e costituirà fra l’altro l’occasione per avviare il Tesseramento 2010 di Legambiente e per promuovere le attività del progetto Energie Nuove-Ecosportello di Legambiente, allestendo al contempo una mostra fotografica delle riserve naturali della provincia di Agrigento ed una degustazione a base di “prodotti a kilometro zero”, come la rinomata salsiccia di Aragona e la genuina ricotta di Sant’Angelo Muxaro, il tutto accompagnato da ottimo vino locale