Akragas, la società minaccia di ritirare la squadra

Domani è in programma la gara contro il Marsala 1912 che si giocherà in campo neutro e senza pubblico allo stadio Salaci di Cammarata. La sfida sembra però l’ultimo argomento all’ordine del giorno della vigilia dell’Akragas. Questa mattina la società ha minacciato di ritirare la squadra se non sarà trovata una struttura adeguata per gli allenamenti. Il riferimento è al rinnovato campo del Villaggio Peruzzo. La squadra di Pidatella lavora allo stadio del Villaggio Mosè dove il terreno di gioco è duro come la pietra e gli spogliatoi sono fatiscenti. Polemica rovente anche per l’indisponibilità dell’Esseneto a causa dei lavori di risemina del terreno di gioco che costringeranno i biancoazzurri a giocare allo stadio di Cammarata a porte chiuse. Secondo il club si potevano rimandare visto che la prossima gara casalinga (Akragas-Sancataldese) è in programma il 24 gennaio e ci sarebbe stato tutto il tempo. La dirigenza ha quindi invitato in maniera pr0vocatoria i consiglieri comunali e il sindaco a tassarsi di 50 euro per finanziare la diretta televisiva della partita col Marsala 1912.