Bulli, baby gang e risse in casa. Favara, indagine della chiesa

Due ragazzi su tre litigano in famiglia per l’orario di rientro. Fumo e alcol restano tabù. Dopo i danneggiamenti in piazza e il rogo appiccato in una chiesa, le parrocchie scendono in campo con una ricerca sugli adolescenti. Obiettivo? Uscire dall’emergenza educativa. I dati preoccupanti saranno rivelati domani (venerdì 27 novembre) a un maxi-confronto tra educatori, esperti e Giuseppe Savagnone. All’evento anche l’arcivescovo Montenegro

Gli scontri in famiglia? Due ragazzi su tre non accettano i limiti d’orario dei genitori per rientrare a casa. Uno su due poi litiga facilmente per stare davanti ai videogiochi e non studiare. Gli adolescenti faticano a parlare con papà e mamma e l’ottanta per cento ha due tabù assoluti nei colloqui con i genitori: fumo e alcol. A rivelare questi e molti altri dati preoccupanti è una maxi-ricerca condotta dalla Chiesa a Favara sugli studenti tra 11 e 13 anni. Obiettivo? Capire come uscire dall’emergenza educativa. Le parrocchie si mobilitano dopo gli ultimi atti di vandalismo e microcriminalità. Nelle scorse settimane infatti si sono susseguiti danneggiamenti a piazza Don Giustino e fenomeni preoccupanti culminati con il rogo appiccato al salone parrocchiale di San Giuseppe Artigiano.

L’indagine è stata compiuta con un test distribuito dalla Comunità ecclesiale a tutti gli adolescenti delle scuole medie. I dati saranno rivelati domani venerdì 27 novembre 2009 alle 17,30 alla Sala Convegni del Boccone del Povero nel corso di un maxi confronto tra educatori, esperti e Giuseppe Savagnone, docente, editorialista di Avvenire e direttore del Centro per l’educazione della Conferenza episcopale siciliana. Prevista anche la presenza dell’arcivescovo Francesco Montenegro.

A moderare il confronto il giornalista e conduttore televisivo Salvatore Fazio. Tra gli interventi quelli dei sociologi Roberta Di Rosa, Gaetano Gucciardo (Università di Palermo) e Giorgio Patti (Asp di Agrigento) e della psicoterapeuta Angela Patti. A introdurre i lavori Lucia Collura, coordinatrice del Consiglio pastorale cittadino, l’arciprete Don Mimmo Zambito e il sindaco Domenico Russello.  L’evento intitolato “Sfida educativa a Favara” è organizzato dalla Comunità ecclesiale di Favara e patrocinato dal Comune.