Acqua, protesta dei sindaci a Palermo, Sciacca presente con l’assessore Vecchio

L’Amministrazione comunale di Sciacca a sostegno della mobilitazione regionale dei comuni siciliani contro la privatizzazione dei servizi idrici. Il sindaco Vito Bono, impegnato in città per la manifestazione degli agricoltori, ha delegato l’assessore ai Servizi a Rete Gianfranco Vecchio a rappresentare il Comune di Sciacca ieri a Palermo al sit-in di protesta di sindaci siciliani e di comitati civici.
“Abbiamo ribadito con forza – dichiara l’assessore Gianfranco Vecchio – che l’acqua, come bene pubblico primario non può essere privatizzata. L’esperienza di questi anni, con la gestione affidata al privato, ci dice che il servizio non solo non è migliorato ma che fa acqua da tutte le parti. La Regione Siciliana deve impugnare l’articolo 15 del recente Decreto Legge con cui il Governo nazionale ha disposto la privatizzazione dell’acqua. Vogliamo ritornare alla gestione pubblica delle reti e dei servizi”. 
I rappresentanti di molti Comuni presenti a Palermo, compreso l’assessore Gianfranco Vecchio, hanno incontrato a Palazzo dei Normanni, all’Assemblea Regionale Siciliana, i capigruppo a cui è stato chiesto di esitare positivamente in aula il disegno di legge presentato dal deputato Giovanni
Panepinto. “Parallelamente – aggiunge l’assessore Vecchio – si è deciso di portare avanti un progetto di legge di iniziativa popolare da presentare all’Ars con il coinvolgimento dei Consigli comunali”.