Cutaia, “Tutto regolare alla piscina comunale di Villaseta”

Con riferimento alla dichiarazione del consigliere comunale De Francisci relativa alla presunta mancanza di controlli, da parte dell’Amministrazione comunale, sulle attività svolte dalle associazioni autorizzate allo svolgimento dei corsi di nuoto, presso la piscina di Villaseta, l’assessore Daniele Cutaia precisa quanto segue:

“La nota di alcuni istruttori federali, richiamata dal consigliere De Francisci, è stata assunta al protocollo del Comune martedì 20 ottobre. Il venerdì successivo ho dato incarico al personale comunale addetto alla piscina di eseguire una puntuale verifica di quanto lamentato nella citata nota. I conseguenti controlli sono iniziati lunedì 26 ottobre e proseguiti fino al 17 novembre. Dai controlli non sono emerse particolari anomalie. Più precisamente è stato accertato che i soggetti presenti durante i corsi di nuoto sono tutti accreditati presso le associazioni autorizzate. Pur trattandosi di soggetti non qualificati, cioè privi di brevetto rilasciato dalla Federazione Italiana Nuoto, essi svolgono un’attività di assistenza agli istruttori qualificati sempre presenti in vasca; si tratta cioè di assistenti degli istruttori regolarmente inseriti negli staff tecnici delle singole associazioni. Al momento del rilascio delle autorizzazioni, infatti, le associazioni sono state richieste di fornire al competente servizio comunale un elenco dell’organigramma societario con l’indicazione di tutti i soggetti collaboratori delle associazioni  e delle relative mansioni.”

“E’ opportuno precisare – prosegue l’Assessore – che in nessuna circostanza è stata riscontrata l’assenza degli istruttori qualificati e, pertanto, si può serenamente affermare che non vi è mai stato nessun rischio per l’incolumità degli utenti. Quanto all’affermazione relativa all’impiego di minori in ausilio all’attività di natatoria, è stata verificata la presenza di due soggetti non ancora maggiorenni, regolarmente inseriti negli staff tecnici delle associazioni autorizzate, che collaborano gli istruttori federali presenti in vasca, col ruolo di tirocinanti volontari, senza alcun rapporto di lavoro dipendente con le associazioni medesime.”

“Pertanto – conclude Cutaia – non risultano violate, come affermato, le norme sul lavoro minorile, né i regolamenti federali circa lo svolgimento dell’attività di istruttore di nuoto. E ciò in quanto i soggetti da ultimo citati non hanno mai svolto l’attività di insegnanti in assenza dell’istruttore titolare. Con queste precisazioni intendiamo rassicurare l’utenza che l’Amministrazione ha eseguito i controlli necessari a garantire condizioni di assoluta sicurezza dei corsi nuoto e non ha mai avallato condotte lesive della dignità professionale degli istruttori federali.”