Concorso a Dirigenti Scolastici alle battute finali

ministro-mariastella_gelmini“Il Presidente della Repubblica, oggi 24 novembre 2009, ha promulgato la Legge di conversione del Decreto Legge n. 134 del 25 settembre 2009, recante disposizioni urgenti per garantire la continuità del servizio scolastico ed educativo per l’anno 2009-2010 avendo preso atto dell’impegno del Governo – assunto in Parlamento e nel Consiglio dei Ministri del 19 novembre scorso e formalmente comunicatogli con lettera del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca – di abrogare il comma 4 quinquiesdecies dell’articolo 1, al fine di ottemperare alle decisioni della magistratura amministrativa di annullamento di procedure concorsuali per dirigenti scolastici ”

Fin qui il comunicato della Presidenza della Repubblica, che pone fine alla questione dell’emendamento , palesemente incostituzionale, aggiunto alla Legge 134 più nota come “Salva Precari”, presentato da un gruppo di deputati siciliani.

Adesso la parola passa al Ministro Gelmini che ci dovrà illustrare come intende procedere per la salvaguardia di quanti, a pieno titolo, sono stati riconosciuti vincitori del concorso a Dirigenti Scolastici e che già da qualche anno assolvono con merito al loro incarico in circa trecento scuole della Sicilia.
Tra mille polemiche questa storia si avvia alla naturale conclusione ponendo fine a tante dispute sorte tra i partecipanti al concorso stesso, promossi e non, che tanto discredito hanno gettato sulla scuola siciliana.

Di una cosa c’è da essere comunque orgogliosi: la nostra Democrazia funziona veramente, anche contro il parere di chi avrebbe voluto imporre il proprio ” pensiero” a discapito delle regole dettate dalla nostra Carta Costituzionale.
La scuola è la palestra del diritto, ci si allena fin da piccoli al rispetto della legalità e della giustizia, sarebbe stata veramente una mostruosità giuridica se una palese violazione dei diritti di alcuni cittadini fosse stata assunta come legge dello stato.