Incontro au-sindacati, Truglio: «non è a rischio nessun posto di lavoro»

«Non è a rischio nessun posto di lavoro, attraverso la rimodulazione del servizio di raccolta saranno salvaguardati tutti gli operatori attualmente in organico». Lo ha ribadito l’amministratore unico della «Gesa Spa», Francesco Truglio, davanti ai rappresentanti delle tre sigle sindacali, Alfonso Buscemi (Fp Cgil), Antonino Stella (Fit Cisl) e Giovanni Manganella (Uil), che li ha incontrati stamattina nella sede della società. Buscemi, Stella e Manganella hanno rappresentato la loro preoccupazione: «Il risanamento della società non può passare dai licenziamenti», hanno ribadito all’amministratore unico. Qualche settimana addietro un operatore dipendente di una delle ditte in appalto, aveva ricevuto il preavviso di licenziamento. «Proprio ieri ho incontrato i rappresentanti dell’azienda e mi hanno assicurato che l’operatore sarà reintegrato – ha detto Truglio – puntiamo ora sulla rimodulazione del servizio, che ci consentirà di ottimizzare le risorse». L’obiettivo di Truglio, che guida la società da qualche mese, è quello di avviare, dopo Siculiana, il servizio di raccolta differenziata “porta a porta”, che consentirà l’ottimizzazione della forza lavoro, attualmente impiegata nei diversi servizi garantiti dall’Autorità d’Ambito ai comuni. «Le linee guida della mia amministrazione si muoverà sul blocco di nuove assunzioni da parte delle aziende in appalto e garantire l’occupazione attuale. Bisogna trovare la via per coniugare sia la garanzia dell’occupazione che la riduzione dei costi. Per i servizi accessori – ha detto altresì Truglio alle organizzazioni sindacali – la Gesa Spa azzererà i costi, riutilizzando tutto il personale».