Concorso a Dirigenti Scolastici… verso l’annullamento?

ScuolaSembra proprio  di si ………
Una volta valeva il detto “ Fatta la legge…. trovato l’inganno”. Adesso , in tempi recenti, sembra che tutto sia cambiato ed il vecchio detto si stia trasformando  in  : Fatto l’inganno….trovata la legge !!!!!.
Infatti circa 300 Presidi o più modernamente Dirigenti Scolastici, vivono momenti convulsi in attesa che il Senato della Repubblica Italiana voti, nei prossimi giorni,  il Decreto “Salva Precari” ,in cui è ritagliato un emendamento a loro favorevole, già approvato alla Camera  e sostenuto da un ragguardevole numero di Deputati siciliani. Ormai la questione è nota a tutti ed impazza pure sulla stampa nazionale e sui siti internet di settore. La vicenda del Concorso a Dirigenti Scolastici siciliani sembra aver valicato i confini dell’isola e pare approdi , quanto prima, a Roma.
I fatti hanno  origine nel lontano 2004 quando viene bandito un concorso a Dirigente Scolastico di nuova generazione. Eh già….di nuova generazione. Basta con le consuetudini del passato. Adesso si cambia.
I nuovi Dirigenti saranno scelti con nuove prove di esami basate sulla effettiva preparazione e competenza  dei candidati partecipanti, con 2 prove scritte ed una orale. Nel resto d’Italia la scelta ha funzionato ….in Sicilia no. Come al solito argomenterà qualcuno.
Per amor di sintesi  tralasciamo i passi che hanno scandito la vicenda e ci soffermiamo agli esiti delle prove concorsuali scritte. Su circa 5000 candidati verranno ammessi a sostenere le prove orali ben 1500 candidati.
Tra costoro due candidate subito e numerosi altri ( forse 70?) a seguire, bocciati nelle prove scritte, decidono di rivolgersi al Tar ( Tribunale Amministrativo Regionale) in quanto , a loro dire, nella correzione degli elaborati ( in media 8-10 facciate) non sono state rispettate le regole del collegio perfetto della commissione che per legge doveva essere composto da un numero dispari di commissari e non inferiore a tre e che, in quella circostanza invece,erano due a volte col sostegno del presidente della commissione che alternativamente presenziava ora nell’una commissione ora nell’altra, rendendo il collegio prefetto solo a tratti e non per tutta la durata delle correzioni ; inoltre, dai verbali sottoscritti dalle due commissioni , si evinceva chiaramente che i tempi di correzione erano ridotti a due o tre minuti per elaborato.
Il Tar rigetta il ricorso delle due ricorrenti giudicandolo inammissibile con una motivazione molto articolata che qui vi risparmiamo. Le due Professoresse  non si perdono d’animo e si rivolgono al CGA organo superiore di giustizia Amministrativa per vedere accolti i motivi che supportavano la loro protesta.
Tra alti e bassi la vicenda si trascina per circa altri due anni e a maggio del 2009 il CGA, con una sentenza  epocale che rappresenta un caposaldo della Giustizia Amministrativa accetta i motivi delle ricorrenti ed invita il rappresentante dell’Ufficio Scolastico Regionale (USR) nella persona del Dott. Di Stefano a ripristinare il diritto leso delle ricorrenti e a risolvere l’intera vicenda entro due mesi.
Il Dott. Di Stefano, vero protagonista dell’intricata vicenda, nell’intento di dar corso a quanto stabilito nella sentenza del CGA , decide di nominare una nuova commissione per la correzione dei due elaborati delle ricorrenti.
A questo punto una ricorrente impugna questa decisione e ricorre nuovamente al CGA sostenendo tra l’altro che adesso venivano a mancare con questa decisione i motivi della riservatezza imprescindibili nelle prove di esame . Anche questa volta il CGA accetta i motivi della ricorrente e decreta che la seconda bocciatura “ costituisce sostanziale elusione del giudicato” ed invita il dott. Di Stefano ad annullare il concorso. Adesso il ricorso ad un emendamento alla legge salva precari potrebbe sanare la posizione dei circa 300 presidi che già da due anni almeno svolgono il loro incarico. Ma gravano seri dubbi di incostituzionalità su questo emendamento a dire di illustri costituzionalisti. Quindi……..?
Tutto da scoprire…ne sapremo di più nei prossimi giorni……