Il Presidente D’Orsi oggi a Licata incontra le forze politiche e la società civile

dorsi_primopianoA Licata oggi l’incontro promosso dal Presidente della Provincia Eugenio D’Orsi per rivendicare il diritto ad avere un aeroporto.

Nei locali del Teatro Comunale di Licata alle ore 16,30 si terrà un’assemblea straordinaria dei Consigli Comunali di Licata, Palma di Montechiaro, Canicattì, Naro, Camastra, Campobello di Licata, Ravanusa e Agrigento a cui parteciperanno anche la Giunta  e il Consiglio Provinciale, Sindaci ed altri amministratori locali dei vari comuni della provincia.

A Licata sono stati invitati, anche,  la Deputazione Nazionale e Regionale, i rappresentanti del Governo Regionale, i segretari provinciali dei partiti politici, le organizzazioni sindacali, economiche ed imprenditoriali. Con l’incontro di Licata, il Presidente D’Orsi vuole creare le condizioni per una mobilitazione che coinvolga non solo la classe politica regionale e nazionale ma anche la società civile, le organizzazioni sindacali, le categorie produttive della provincia per chiedere al Governo Nazionale la costruzione dell’Aeroporto di Agrigento.

“Il nostro impegno per arrivare alla costruzione dell’Aeroporto deve essere massimo,  – ha dichiarato il Presidente D’Orsi. Solo coinvolgendo tutte le forze politiche, sociali ed imprenditoriali e la Società Civile si può arrivare a realizzare un sogno coltivato da quasi  quarant’anni. Ora che ci sono le condizioni perché l’aeroporto divenga una realtà, l’opinione pubblica della provincia, le forze produttive e le organizzazioni sindacali devono fare sentire la loro voce al Governo Nazionale. E’ una battaglia di modernizzazione e di civiltà che non possiamo assolutamente perdere e questo il Governo Nazionale lo deve capire.”

Il 28 novembre ad Agrigento abbiamo indetto una manifestazione popolare “pro aeroporto” che dal Viale della Vittoria arriverà alla sede della Provincia nel Piazzale Aldo Moro a cui seguirà un pubblico comizio nella Piazza Vittorio Emanuele. Sono certo che i cittadini aderiranno in massa”.