Castrofilippo, il sindaco Ippolito chiede l’interruzione della fornitura di acqua dal Fanaco

Il sindaco di Castrofilippo Salvatore Ippolito, considerato che nell’acqua proveniente dal Fanaco risulta un’eccessiva presenza di tracce di manganese e che un recente vertice convocato presso il Comune di Casteltermini ha stimato che la situazione potrà tornare alla normalità non prima di venti giorni, ha chiesto all’Agenzia Regionale per i Rifiuti e le Acque, l’interruzione della fornitura del Fanaco, disgiungendo le risorse idriche di Quisquina, che con la giusta potabilità e con una portata di circa 320 l/s possono essere dirottate verso i Comuni ex Consorzio Tre Sorgenti, compreso il Comune di Castrofilippo, soddisfacendo al fabbisogno di 10.