Trovata la soluzione all’acqua inquinata al Fanaco. Se n’è parlato oggi a Casteltermini

Un trattamento  con pirilusite ed entro una ventina di giorni l’acqua della condotta Fanaco non sarà più inquinata. E’ quanto è stato assicurato, oggi, nel corso di una riunione tra esperti, al comune di Casteltermini. Nel centro montano, stamani, si è svolto, infatti, un incontro d’urgenza, per discutere sull’allarme manganese nella condotta Fanaco, che rifornisce idricamente buona parte dei comuni dell’agrigentino. All’incontro, voluto dall’amministrazione comunale, erano presenti, oltre ai padroni di casa –  sindaco Sapia, vice sindaco Insalaco e l’assessore Capozza – anche il sindaco di Canicattì, Vincenzo Corbo, l’assessore Giovanni Lentini, in rappresentanza del comune di Ravanusa. C’erano, inoltre, l’ingegnere Stefano Pizzarello e l’ingegnere Enrico spada, rispettivamente direttore  e vice direttore generale di Siciliacque, ingegnere Gucciardo, per l’Ato idrico di Agrigento, l’ingegnere Calogero Sala , per Girgenti Acque, e la dottoressa Anna Mattaliano, per l’ASP Ag1 di Casteltermini e il maresciallo dei carabinieri, Paolino Scibetta. E’ stato Pizzarello di Siciliaacque a rassicurare: “Il manganese non è veleno. Lo beviamo frequentemente insieme al the, una tazza ne contiene per 133 mg. La soluzione al problema arriverà nell’immediato, posizioneremo lungo la condotta dei filtri con pirilusite, che servirà ad abbattere il manganese. L’acqua tornerà potabile nel giro di una ventina di giorni”. Soddisfatti gli amministratori presenti, Sapia, Insalaco, Corbo, Lentini, che dichiarano unanimemente: “Manteniamo la cautela e invitiamo i nostri cittadini a non bere acqua dai rubinetti, questo finchè non sarà completato il trattamento con la pirilusite. Non bisogna però creare psicosi, l’acqua dei rubinetti, ai fini alimentari, potrà essere utilizzata, purchè bollita. Inoltre si potrà usufruire dell’acqua anche per l’ igiene personale. Siamo soddisfatti perchè, nel giro di pochi giorni, si è arrivati a una soluzione che ci è stata pressantemente chiesta dai nostri cittadini”.