Animalisti in strada contro la tauromachia

corridaNumerosi animalisti di tutto il mondo si sono dati appuntamento per le strade delle loro città per manifestare la loro contrarietà alla tauromachia, ossia tutte quelle attività che coinvolgono i tori,  che vengono maltrattati e uccisi. Più di 3.000 , infatti, sono i tori che muoiono durante la stagione delle corride nelle varie “ plazas de toros” di Spagna. Generalmente gli iberici si dicono contrari a queste pratiche sanguinarie ma la tauromachia è un fenomeno difficile da estirpare a causa della quantità di denaro che gravita attorno a questi eventi. L’iniziativa partita dalla Spagna si è svolta  anche da noi. Gli animalisti sono andati in  strada vestiti di nero con un fazzoletto bianco attorno al collo. In risposta a coloro che a Pamplona, durante la festa dei “Sanfermines”, si vestono di bianco con fazzoletti rossi. L’attività non si è limitata alla sola “passeggiata”: è stato distribuito un volantino che, unico in tutto il mondo, ha spiegato alla gente perché è importante lottare contro la tortura dei tori. Il Gruppo Gandhi, sezione dell’Associazione Siciliana Volontari Animalisti, in Italia tiene i rapporti con gli animalisti spagnoli organizzatori dell’evento.

Massimiliano Mazzola