Ambiente: domani conferenza stampa su rinverdimento valle dei templi

Domani 27 ottobre, alle 10, ad Agrigento, nella sede del parco archeologico della Valle dei Templi (a Casa San Filippo), sarà presentato alla stampa “Mille mandorli nella Valle dei Templi”. Il progetto nasce da un protocollo di intesa, per la salvaguardia delle emergenze paesaggistiche del territorio, siglato nel 2008 tra gli assessorati regionali all’Agricoltura e Foreste e Beni Culturali e Ambientali, il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi, il Fai (Fondo per l’ambiente italiano), il feudo Principi di Butera e il dipartimento di Colture arboree dell’università di Palermo.

L’iniziativa, coordinata dall’assessorato all’Agricoltura attraverso la sua Unità operativa di Agrigento, “ci ha consentito – ha spiegato Michele Cimino, assessore regionale all’Agricoltura –  di mettere a dimora nei terreni demaniali, dove si trovano i templi dorici, circa mille piantine di mandorlo per poter ricostruire il patrimonio arboreo danneggiato, nel tempo, da incendi e sostituire piante comunque morte o deperite”.

“Tutte le colture presenti nella Valle dei Templi, di cui il mandorlo è la pianta simbolo – ha aggiunto Cimino – sono espressione della civiltà agricola contadina del luogo. L’intero paesaggio, è infatti anche una straordinaria testimonianza della cultura, delle storia e dell’evoluzione, anche agricola, dell’uomo”.

Parteciperanno alla conferenza stampa, Michele Cimino, assessore regionale all’Agricoltura, Lino Leanza, assessore regionale ai Beni Culturali e Ambientali, Cosimo Gioia, dirigente generale del dipartimento Infrastrutturale, Giovanna Bonetti Loredan della  Fai, Tiziano Caruso del dipartimento Colture arboree dell’università di Palermo, Rosalia Camerata Scovazzo, presidente del consiglio Parco Valle dei templi, Giuseppe Barbera, responsabile scientifico del museo del Mandorlo di Agrigento, Gianni Zonin del feudo Principi di Butera.

Dopo la conferenza stampa, alle 11.30 si terrà la posa delle piantine di mandarlo nello spazio antistante al Tempio di Giunone e nel Piano San Gregorio, a sinistra della stradella che conduce al Tempio di Esculapio. Alle 12 sarà inaugurata la cartellonistica del parco archeologico.