Anci, Silvio Cuffaro unico sindaco “agrigentino” del Direttivo

Il sindaco di Raffadali, Silvio Cuffaro, è l’unico amministratore agrigentino che è entrato a far parte del Direttivo Nazionale dell’Anci, associazione nazionale comuni italiani.  La sua presenza all’interno dell’organismo è stata sancita ieri in occasione dell’insediamento del Consiglio nazionale che si è svolto a Roma. Nel corso della prima riunione è stata approvata una piattaforma che prevede una serie di rivendicazioni  da sottoporre all’attenzione del governo Berlusconi. “Nel pacchetto messo a punto – afferma Silvio Cuffaro – abbiamo avanzato alcune significative richieste che, se recepite, potranno agevolare non poco le attività degli enti locali nella gestione ed erogazione dei servizi a favore delle comunità. In particolare, visto il momento di crisi e le poche risorse presenti nei bilanci dei comuni, ci siamo fatti interpreti della volontà di tutti gli amministratori italiani. Faremo di tutto affinché il governo nazionale riveda gli attuali, rigidi, parametri del patto di stabilità che di fatto bloccano i fondi e non consentono di spendere nemmeno un euro nonostante la dotazione e la disponibilità finanziaria. E a proposito di patto di stabilità,  rivendichiamo l’abolizione delle sanzioni già comminate a quelle amministrazioni che hanno sforato il tetto stabilito.  Ed ancora che lo Stato rimborsi totalmente  le somme relative al mancato introito dell’Ici per la prima casa, recentemente abolita” – conclude il sindaco di Raffadali.