Distretto Socio-Sanitario D1. Presentato il Nuovo Piano di Zona

E’ stato presentato ieri, presso l’Aula Sollano del Municipio di Agrigento, il nuovo Piano di Zona, relativo alla triennalità 2010-2012, del Distretto Socio-Sanitario D1.

Ad esporre quanto programmato in sede politica e progettato in sede tecnica nei mesi precedenti, è stato lo stesso Sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, in qualità di primo cittadino del Comune Capofila del Distretto e lo ha fatto di fronte ad una platea di addetti ai lavori e tecnici degli undici Comuni che compongono l’Ente, nonché dei rappresentanti delle loro amministrazioni.

Zambuto, nel suo intervento, ha messo in evidenza quanto lo strumento costituito dal Piano di Zona, documento propedeutico alla realizzazione di tutte le attività in esso contenuto, sia la base imprescindibile per l’armonizzazione delle politiche socio-sanitarie che gli Enti Locali sono tenuti a porre in essere, come auspicato dalla Legge 328 che nel 2000 ha istituito e regolamentato i distretti socio-sanitari. Il Sindaco di Agrigento ha evidenziato le difficoltà che dal 2000 ad oggi l’attuazione di questa legge ha presentato, le criticità osservate in questi anni e le complicazioni legate ai molti passaggi burocratici che i regolamenti prevedono, ma ha voluto, con la sua relazione introduttiva, dare altresì un segnale forte della volontà di rendere concreto quanto spesso è rimasto sulla carte, pur in presenza di fondi regionali non indifferenti, che in passato, hanno rischiato di tornare al mittente, senza essere stati sfruttati per servizi esenziali ai cittadini.

A tal proposito Zambuto ha reso noto che nei giorni scorsi si è più volte recato a Palermo per discutere con l’Assessore Regionale Chinnici delle problematiche legate ai ricoveri di anziani, portatori di handicap e minori nelle strutture di accoglienza accreditate, mentre, contestualmente, ha promosso iniziative, aventi lo stesso scopo, di concerto con l’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia).

A Zambuto ha fatto eco il Sindaco di Favara, Domenico Russello, che si è soffermato sull’importanza di alcuni progetti contenuti nel documento di programmazione, dal forte impatto sociale ed economico, tenuto conto della situazione finanziaria in cui versano un po’ tutti gli Enti Locali nell’intero paese.

Alla Conferenza erano anche presenti rappresentanti dell’ASP e dei sindacati, che si sono detti fiduciosi nell’impegno preso da Zambuto e dagli altri sindaci dei comuni del Distretto, nonché l’Assessore alla Solidarietà Sociale del Comune di Agrigento, Giacomo Daina, soddisfatto in particolari dei nuovi progetti inseriti nel Piano di Zona, come quelli concernenti gli anziani (“Centri di Aggregazione Sociale”), la famiglia e i minori (“Nati per leggere”, “Formando giocando” e “Mediazione Familiare”) e i disabili (“Pet Therapy” e “Progetto Alzheimer”).