Guarraci attacca Firetto

Riceviamo e pubblichiamo il volantino diffuso per le vie di Porto Empedocle il 14/03/2008, con il quale l’ex sindaco di Porto Empedocle evidenziava alcune distorsioni della realtà amministrativa del Comune di Porto Empedocle. “Sono trascorsi un anno e sette mesi, ma la tecnica non è cambiata” dice Guarraci.

Il Sindaco Firetto si avvia a completare il suo secondo anno di vita amministrativo. In questi lunghi mesi, volutamente, non abbiamo, assunto una qualsiasi forma di opposizione, abbiamo fatto “lavorare” (si fa per dire) il Sindaco in pace e indisturbato, perché eravamo consapevoli che Firetto non fosse in grado di avviare un programma di sviluppo economico e occupazionale per la nostra città, eravamo convinti che non fosse in grado di assumere il coordinamento di un’azione programmatica, pertanto non dovevamo offrirli una qualsiasi forma di giustificazione alla sua ormai dimostrata incapacità programmatica. Perché se avessimo attivato una forte azione di opposizione, avrebbe addossato la responsabilità, della sua insignificante azione progettuale, all’opposizione.

Di recente il Sindaco si è prodigato, in pompa magna, ad inaugurare il completamento della PAVIMENTAZIONE DELLA BANCHINA DEL PORTO, un’opera programmata nel 1998 in conferenza di servizi dall’ex Sindaco Orazio Guarraci, con l’Ingegnere Capo del Genio Civile Opere Marittime, Ing. Ievolella, il comandante della Capitaneria di Porto, con l’autorevole intervento dell’ex sottosegretario del Ministero dei Lavori Pubblici, On. Nenè Mangiacavallo, che ha successivamente finanziato l’opera. I lavori sono iniziati circa tre anni fa, pertanto Firetto non ha nessun merito, ma di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Un’altra iniziativa meritevole di attenzione è l’impianto di METANIZZAZIONE, un’opera programmata e affidata nel 1998 dall’ex Sindaco Guarraci e approvata dal Consiglio Comunale nel 1999 e in seguito trasmessa al Ministero per le Attività Produttive, e infine, inserita nel piano dei finanziamenti. Già nel Febbraio 2005 il finanziamento è stato accreditato al Comune, finalmente dopo lunghi anni sono iniziati i lavori, pertanto Firetto non ha nessun merito, ma di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Parliamo del “PIANO REGOLATORE GENERALE”, già l’ex Sindaco Guarraci aveva affidato gli incarichi dello studio geologico; i voli aerei per l’aerofotogrammetria; lo studio agricolo forestale; ed infine l’incarico di progettazione, inoltre il Consiglio Comunale aveva già approvato, durante l’amministrazione Guarraci, per ben due volte le direttive al “Piano Regolatore Generale”. Pertanto nel 2001 il piano era pronto per l’approvazione del Consiglio Comunale, ed è incomprensibile, quasi un mistero, il fatto che ancora oggi non sia stato approvato e resti a disposizione e nelle mani di poche persone, alla faccia della trasparenza. Di tutto questo il Sindaco Firetto non ha nessun merito e di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Di recente si è completata, dopo tanti anni di lavoro, un’altra opera importante per la nostra città, vale a dire il cosiddetto “TAGLIO DELLE ACQUE” a monte della città, un’opera idraulica finalizzata a convogliare, per mezzo dei tunnel sotterranei, le acque piovane, che utilizzando un sistema di paratie, vengono ripartite e regolate, e successivamente versate tra il torrente spinola e il torrente salsetto, per ridurre il carico idraulico ed eliminare il rischio di alluvioni a Porto Empedocle. Il Sindaco Firetto ha definito quest’opera importante e la sua realizzazione è un fatto EPOCALE. Ringrazio per l’apprezzamento, sarebbe stato più corretto che l’apprezzamento lo avesse fatto quando Guarraci era in carica. Anche questo progetto risale all’amministrazione Guarraci. I cittadini ricorderanno quante volte l’ex Sindaco Guarraci ha illustrato, con orgoglio, il progetto in televisione consapevole di aver reso un importante servizio alla città. Di tutto questo il Sindaco Firetto non ha nessun merito e di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Trattiamo adesso la questione “AREA MONTEDISON”. I cittadini ricorderanno le condizioni del così detto “cimitero industriale” prima dell’insediamento del Sindaco Guarraci, allora, oltre agli immobili in sfacelo, si parlava di forte rischio di inquinamento chimico e addirittura qualcuno ipotizzata che ci fossero presenti sostanze radioattive. L’ex Sindaco Guaraci con propria ordinanza ha preteso che Enichem, Bonificasse in parte e mettesse in sicurezza la restante area di loro competenza, per un totale di 92.500 mq. Dopo che è stato rimosso l’eternit, sono state bonificate alcune decine di migliaia di mq di area, è stato asportato il terreno inquinato, ed è stata messa in sicurezza un’area di circa 50.000 mq, protetta con un’opera sotterranea, la così detta “CINTURAZIONE PLASTICA”. L’ex Sindaco Guarraci ha ottenuto la cessione dell’area da parte di Enichem, per un prezzo simbolico di 10.000 €, e l’area è passata di proprietà del Comune di Porto Empedocle. I lavori si sono terminati nel 2001 e l’area era stata destinata alla società “Biomassa Italia” per la realizzazione dell’impianto di produzione di energia pulita da fonte rinnovabile, che avrebbe creato 100 posti di lavoro, irrimediabilmente perduti. Inoltre si era provveduto ad emettere l’ordinanza sindacale nei confronti dell’altra società MONTEDISON per la bonifica di un’ulteriore area di circa 30.000 mq, mentre la capitaneria di porto, per le aree demaniali di propria competenza, aveva emesso i decreti ingiuntivi per lo sgombero e la bonifica delle stesse. Di tutto questo il Sindaco Firetto non ha nessun merito e di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Adesso parliamo della ristrutturazione della “TORRE CARLO V”, un’opera che si trascina da tantissimi anni. Dobbiamo premettere che trattandosi di un bene monumentale, la progettazione e i lavori sono di competenza della Soprintendenza ai Beni Culturali. Durante l’amministrazione Guarraci, si sono realizzati tre stralci del progetto generale. Il quarto e ultimo stralcio riguarda la ristrutturazione esterna, e aimè, dopo tanti anni, anche il ripristino di alcune parti interne e la pavimentazione di alcuni spazi. I cittadini devono sapere che il progetto di completamento era già pronto nel 2001 ed esisteva anche la copertura finanziaria, che purtroppo non è stata utilizzata nei tempi dovuti e quindi il finanziamento si è perduto durante l’amministrazione Ferrara-Firetto junior.

La Torre Carlo V, in un incontro tra l’ex Sindaco Guarraci e l’ex Soprintendente Dott. Fiorentini, si è destinata ad ospitare il “MUSEO DI ARCHEOLOGIA MARINA” Di recente il Sindaco Firetto ha fatto affiggere megamanifesti annunciando che il vice Ministro Capodicasa aveva fatto rifinanziare il progetto di completamento. Di tutto questo il Sindaco Firetto non ha nessun merito e di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

L’EX Sindaco Guarraci aveva affidato l’incarico di progettazione per la bonifica e l’arredo urbano della “AREA SOTTO LA TORRE C. V” , progetto che prevedeva la demolizione di tutti i fabbricati che insistono sotto la Torre e la realizzazione di un parco con un maestoso monumento dedicato ad EMPEDOCLE. Questo progetto aveva anche la copertura finanziaria. L’opera è inserita in un contesto complessivo, che insieme al rifacimento della “VIA EMPEDOCLE”, della “PAVIMENTAZIONE DEL PORTO”, della “RETE IDRICA DEL PORTO”, del “MERCATO ITTICO”, della ristrutturazione della stazione FS delle cannelle e la realizzazione della “BIBLIOTECA COMUNALE”, e del “PORTICCIOLO TURISTICO”, tutte cose programmate, progettate e quasi realizzate dall’amministrazione Guarraci, avrebbero complessivamente cambiato il volto di quella zona. Il Sindaco Firetto ha comunicato che fra non molto si realizzerà il progetto che prevede la demolizione e la sistemazione dell’area sotto la Torre Carlo V, finalmente, definendolo EPOCALE. Di tutto questo il Sindaco Firetto non ha nessun merito e di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Un’altra opera lasciata in sospeso è il “PARCHEGGIO MULTIPIANI”, opera programmata tantissimi anni fa, poi appaltata dall’ex Sindaco Guarraci, il quale ha dovuto, successivamente, rescindere il contratto in danno all’impresa esecutrice dei lavori per motivi tecnici. Si sono recuperati, allora, circa un miliardo e duecento milioni delle vecchie lire, poi successivamente la giunta Ferrara-Firetto junior ha acceso un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti, ma non si sa più nulla e non si comprende come mai in due anni di amministrazione Firetto senior, i lavori non sono ripartiti. Anche in questo caso l’attuale Sindaco non ha nessun merito e di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Adesso parliamo della VILLA BELVEDERE, che il Sindaco Firetto non ha avuto la capacità amministrativa di far ripristinare con un intervento di manutenzione straordinaria e restituirla ai legittimi proprietari che sono gli empedoclini. Ha pensato bene di chiuderla e di non farla fruire ai cittadini, è ovvio che per fare questo ci vogliono grandi capacità culturali e letterarie.

Parliamo della Strada NAPOLITANO SAN CALOGERO, per la quale l’ex Sindaco Guarraci aveva conferito l’incarico di progettazione, ed aveva ottenuto le autorizzazioni oltre che stanziare le risorse economiche per la sua realizzazione. Il miracolo che ha fatto la giunta Ferrara-Firetto junior è stato quello di invertire la priorità nel piano triennale, inserendo prima la VIA CALIPSO, e considerato che il Sindaco Firetto senior è stato criticato del fatto di realizzare la strada dove abitano i propri genitori a discapito di una strada che collega alla città almeno quaranta famiglie, ha comunicato al Consiglio Comunale che anche la VIA CALIPSO è un’opera per la quale è stato conferito l’incarico di progettazione dall’ex Sindaco Guarraci, quasi a volersi giustificare. Allora Firetto che meriti ha? Anche in questo caso l’attuale Sindaco non ha nessun merito e di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Un’altro argomento, che merita attenzione è certamente il “CINEMA TEATRO EMPEDOCLE”, immobile acquistato tantissimi anni fa con un contributo regionale.  L’ex Sindaco Guarraci oltre ad aver conferito l’incarico di adeguamento e ristrutturazione, per ottenere la copertura finanziaria, più volte ha incontrato i rappresentanti del Governo regionale ed il Ministro dei Beni Culturali del Governo nazionale di allora, Veltroni, il quale ci ha fatto ricevere dalla Dott/ssa. Napolitano e successivamente ci comunicavano che non potevano finanziare l’adeguamento e la ristrutturazione del cinema Empedocle. Successivamente con la giunta Ferrara-Firetto junior, aldilà delle apparizioni televisive con Michele Guardì ed Andrea Camilleri, tutto è stato seppellito. Anche in questo caso l’attuale Sindaco non ha nessun merito e di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Chiediamoci che fine abbia fatto il “PORTICCIOLO TURISTICO” un’opera importante per lo sviluppo turistico, che l’ex Sindaco Guarraci era riuscito a inserire nel Patto Territoriali Empedocle, ottenendo il finanziamento dell’opera per circa 10.700.000 delle vecchie lire. Per onestà intellettuale è doveroso dire che per la realizzazione dell’opera, era necessario addivenire ad una variante del piano regolatore portuale, ma è incomprensibile che dopo che Guarraci ha smesso di fare il Sindaco cioè nel 2001, non si è riusciti in tutti questi anni ad ottenere la variante ed avviare i lavori. Si dice che i finanziamenti sono stati definitivamente perduti. Il Sindaco di tutto ciò non dice nulla, NASCONDENDO LA VERITA’.

Tutti i cittadini hanno avuto il piacere di vedere e ascoltare il Sindaco Firetto senior, nelle sue varie esternazioni televisive, il quale ci ha pregiato di manifesti e gigantografie murarie, con i quali comunicava ai cittadini la conclusione di alcuni lavori di opere frutto dell’impegno amministrativo di altri, che inaugurava con solennità e piacere. Tutto questo, fatto con una maestria di comunicazione mediatica, che seppur non abbia mai detto esplicitamente, che le opere inaugurate sono frutto della sua amministrazione, ha fatto in modo che, NASCONDENDO LA VERITA’, non comunicando e non ammettendo che le opere sono state concepite, programmate e portate avanti dalle precedenti amministrazioni, si appalesa il tentativo di distorcere la verità e fare in modo che i cittadini, tratti in inganno dalle tecniche mediatiche, potessero attribuire i meriti all’attuale Sindaco Firetto.

Invitiamo il Sindaco Firetto a comunicare e far vedere ai cittadini, con gli stessi mezzi, le delibere con le date delle opere realizzate e quelle che si accingono a iniziare i lavori. Invitiamo altresì il Sindaco Firetto a comunicare le delibere con le date delle opere programmate e progettate ascrivibili alla sua amministrazione, in modo tale che, nell’imminente futuro, possa essere garantita la continuità progettuale necessaria per realizzare infrastrutture necessarie per migliorare le condizioni strutturali della nostra città.

Ricordate, cari cittadini, che il commissario straordinario Antonino La Mattina, aumentò esageratamente l’ ICI, con grande disappunto dei cittadini. Ricordate inoltre, cari cittadini, che in campagna elettorale l’attuale Sindaco Firetto, aveva SOLENNEMENTE PROMESSO DI ABBASSARE LE TASSE ED IN PARTICOLAR MODO L’ICI. Qualcosa questo Sindaco l’ha fatta, ha AUMENTATO l’addizionale IRPEF, mettendo le mani nelle tasche dei lavoratori dipendenti e dei pensionati, ha AUMENTATO la tassa sui rifiuti TARSU, mettendo le mani nelle tasche di tutte le famiglie, e udite udite, non ha mantenuto la solenne promessa di diminuire l’ici, continuando a far pagare in modo spropositato i cittadini, alla faccia della coerenza e del rispetto nei confronti degli empedoclini.

Il Sindaco Firetto perchè non fa affiggere il solito mega manifesto con la scritta (PROMESSA ASSOLUTAMENTE  NON MANTENUTA) ????????

Il Sindaco Firetto ha condiviso direttamente e indirettamente la vita politica amministrativa della giunta Ferrara-Firetto junior, ha avuto gravi responsabilità sul fallimento di quell’esperienza amministrativa, e non ha perso l’occasione di scaricare le responsabilità del disastro economico alla precedente amministrazione, come se lui fosse stato solo uno spettatore e non protagonista insieme al fratello Massimo, questo ultimo, con l’incarico di vice Sindaco.

I cittadini devono sapere che, il Sindaco Firetto, dopo le elezioni, mi ha tolto il saluto, personalizzando lo scontro politico, che dovrebbe restare fuori dei rapporti civili e umani. Mi chiedo quali sono i sentimenti che determinano di togliere il saluto ad una persona? Sicuramente rabbia, oppure odio, disprezzo, ecc. ecc. Di fatto Firetto dimostra di essere lontano mille miglia dei veri problemi della città e dai veri bisogni dei cittadini. Del suo saluto NON ME NE FREGA NIENTE, ma registriamo che la mancanza di TOLLERANZA, INDULGENZA, PERDONO, CONCILIAZIONE non è un comportamento cristiano, pertanto per cortesia non utilizzate la classica frase “NOI CATTOLICI IMPEGNATI IN POLITICA”, perchè suonerebbe come offesa nei confronti dei veri cattolici che hanno rispetto del valore umano e della riconciliazione.

Perché IL VALORE ETICO DELLA VERITA’, perché chi è investito da responsabilità pubbliche, ed ha l’onere di rivestire una carica istituzionale, deve rigorosamente attivare comportamenti umani e istituzionali, conformi alle direttive etiche e morali. Pertanto non dovrebbe essere consentito a nessuno, in campagna elettorale, di appropriarsi di temi etici, morali e sacramentali, come l’impegno dei cattolici impegnati in politica, la famiglia, i sacramenti, se poi non si è consequenziali e si dimostra, dando l’esempio, di rispettarli e osservarli in prima persona.

In questi due anni il Sindaco Firetto, con un atteggiamento accentratore, ha esautorato, dal punto di vista dell’immagine e dell’iniziativa politica ed amministrativa, sia il ruolo della Giunta che del Consiglio Comunale. I Consiglieri Comunali per spirito di servizio e di dedizione per la città hanno appoggiato e sostenuto quasi acriticamente l’operato del Sindaco Firetto, che purtroppo per la città non è stato per niente brillante. Ricorderete le promesse di Firetto, che avrebbe dovuto trasformare la città in una fucina d’iniziative culturali dalle quali avrebbe dovuto trarre anche opportunità di sviluppo economico? Se, le tante declamate iniziative culturali, si sono ridotte, nel solito caffè letterario, o il rifacimento di qualche aiuola o la posa di un tappeto rosso in via Roma, allora siamo fortemente preoccupati per il futuro della nostra città e dei nostri figli.

Finalmente, in questi ultimi mesi si è registrato un sussulto d’orgoglio da parte dei Consiglieri Comunali, i quali vogliono riappropriarsi, con naturalezza, delle loro prerogative democratiche e istituzionali, consapevoli che il Sindaco Firetto non è riuscito in questi due anni ad assumere una funzione di coordinamento progettuale e amministrativo. Ci auguriamo che questo sussulto d’orgoglio presupponga il rispetto della dignità politica e personale dei Consiglieri Comunali i quali debbono svolgere un ruolo di indirizzo e di controllo nell’esclusivo interesse dei cittadini.

La situazione politica nazionale ha stravolto le alleanze, accorpato alcuni partiti, mentre ne ha dissolto altri, come l’UDEUR nel quale militavamo, purtroppo abbiamo dovuto assistere inermi hai tanti, ai troppi errori che di fatto, hanno determinato la fine dell’esperienza politica dell’UDEUR.

Dopo un’attenta analisi abbiamo deciso di aderire nel PDL, (Popolo Della Libertà). Abbiamo riflettuto a fondo, di come continuare a servire politicamente la nostra città oltre alla nostra provincia, con quale alleato intraprendere un lungo cammino finalizzato a creare condizioni di sviluppo e di progresso, alla fine non abbiamo avuto nessun dubbio, si è deciso di unire le forze con l’ON. MICHELE CIMINO, nostro compaesano, candidato alle regionali, pertanto intraprenderemo di concerto con il Governo Nazionale, con il Governo Regionale e con il Governo Provinciale, una diversa e rinnovata e autorevole attenzione nei confronti della nostra città.

Ai tanti amici che mia hanno sostenuto, chiedo di rinnovare l’impegno di sempre, il 13-14 Aprile, per la Camera dei deputati e per il Senato, chiedo di mettere la croce sul simbolo del Popolo Della Libertà, mentre per le elezioni regionali, scrivere accanto al simbolo del Popolo Della Libertà, il cognome CIMINO. Un altro appuntamento elettorale, ci attenderà a Giugno per le elezioni provinciale, dove vi chiederò di scrivere nella scheda elettorale Guarraci, ma di questo, ne parleremo in seguito.

UN GRAZIE DI CUORE

Porto Empedocle 14/03/2008

FIRMATO

ORAZIO GUARRACI

Ex Sindaco di Porto Empedocle