Accordo Confindustria e Intesa Sanpaolo. Ecco i termini

ACCORDO TRA INTESA SANPAOLO E CONFINDUSTRIA AGRIGENTO

PER FAVORIRE LA RIPRESA DELLE PMI

  • estensione degli strumenti previsti dalla moratoria su mutui e leasing
  • finanziamenti per il rafforzamento patrimoniale
  • sostegno al capitale circolante
  • concessa da Intesa la moratoria per 2800 imprese

Agrigento, 9 ottobre 2009 Intesa Sanpaolo e Confindustria Agrigento hanno siglato nella sede di Confindustria Agrigento, in via Artemide, un accordo per promuovere misure volte a garantire l’afflusso di credito al sistema produttivo, attraverso interventi sulla liquidità e sulla patrimonializzazione delle imprese.

L’accordo è stato firmato oggi dal Presidente di Confindustria Agrigento, Giuseppe Catanzaro, e dal Direttore dell’Area Sicilia di Intesa Sanpaolo Salvatore Immordino, presente Giuseppe Bonini della Direzione Marketing Imprese di Intesa Sanpaolo. Lintesa odierna si inserisce nella più ampia convenzione nazionale siglata il 3 luglio scorso tra il Gruppo bancario e Confindustria, con un plafond complessivo di 5 miliardi di euro.

Banca dei Territori (6200 sportelli in Italia) mette a disposizione con questo accordo nuovi finanziamenti per le imprese di Agrigento, attraverso i 17 sportelli retail e la filiale Imprese di Intesa Sanpaolo

logoconfindustriaA inizio agosto il Gruppo Intesa Sanpaolo ha aderito alla moratoria Abi-Governo che consente la sospensione di 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate di mutuo e leasing, l’allungamento a 270 giorni della scadenza dei crediti a breve per operazioni di anticipazione su crediti e l’erogazione di finanziamenti per il rafforzamento patrimoniale delle imprese. Intesa Sanpaolo e tutte le banche della Divisione Banca dei Territori, sono però già operative da tempo su questo fronte per supportare le imprese, avendo di fatto anticipato la moratoria con l’avvio – fin da maggio – della procedura per consentire la posticipazione di 12 mesi del pagamento della rata di mutui e leasing.

Ancora prima dell’adesione alla moratoria Abi-Governo, grazie all’accordo per le PMI stipulato a luglio con Confindustria, il Gruppo Intesa Sanpaolo si era già attivato su tutto il territorio nazionale e ad oggi risultano concessi complessivamente oltre 2800 sospensioni di pagamenti rate di mutui o leasing.

In questo quadro si inserisce l’accordo siglato tra Intesa Sanpaolo e Confindustria Agrigento, che si spinge ben oltre l’accordo per la moratoria siglata in sede ABI e prevede una serie di risposte concrete alle diverse esigenze delle imprese, tra le quali:

  • soddisfare il fabbisogno di liquidità delle aziende fornendo continuità ai flussi di credito verso il sistema produttivo e permettere di superare la fase più difficile della crisi;
  • gestire in forma flessibile i finanziamenti in corso attraverso il rinvio del pagamento della rata di mutui e leasing per 12 mesi;
  • favorire interventi di rafforzamento patrimoniale delle aziende, per permettere così un miglioramento del rating e, quindi, un più agevole accesso al credito ed un efficace utilizzo degli strumenti di garanzia.

Nell’ambito dell’accordo sono stati individuati anche gli specifici strumenti nelle diverse aree di intervento:

Rafforzamento patrimoniale

Sono previsti finanziamenti rivolti alle aziende costituite in forma di società di capitali che intraprendono processi di rafforzamento patrimoniale, secondo due diverse tipologie; le caratteristiche essenziali, a fronte dell’impegno delle imprese a migliorare la propria struttura patrimoniale entro un dato periodo, sono le seguenti:

  • Ricap Crescita Programmata: consiste in un finanziamento erogato in anticipo rispetto al piano di rafforzamento patrimoniale dell’azienda, in misura da una a due volte l’entità del rafforzamento stesso per un importo massimo di 3 milioni di euro in relazione al rating, con una durata compresa tra i 3 e i 5 anni. Gli apporti devono avvenire nel corso della durata del finanziamento, tramite aumento di capitale sociale, o accantonamento utili o finanziamento soci da postergare al mutuo.
  • Ricap Moltiplica: il finanziamento può essere concesso in misura fino a quattro volte l’aumento  di capitale, in relazione al rating dell’azienda e per un importo massimo di 5 milioni di euro e con una durata ricompresa tra i 5  e i 10 anni; il versamento del capitale deve essere effettuato dall’impresa prima della stipula del contratto di mutuo.

Flessibilità dei finanziamenti

Si tratta di strumenti studiati in modo specifico per consentire alle imprese di gestire in forma flessibile il prestito in corso di ammortamento, in termini di estensione della durata del finanziamento. In particolare con il “Rinvio rata”, la Banca  si impegna a concedere il rinvio del pagamento delle quote capitale delle rate di mutui o leasing in essere, per un periodo massimo di 12 mesi dalla data di richiesta. La sospensione, in coerenza con iniziativa in materia già avviate dalla Banca. e in armonia con l’Avviso Comune dell’ABI – al quale hanno aderito tutte le banche del Gruppo e finalizzato a favorire la continuità dell’afflusso di credito al sistema produttivo – è riservata alle piccole imprese che presentino una situazione economica, finanziaria, patrimoniale e organizzativa che possa garantire la continuità aziendale e ha come oggetto le rate in scadenza o già scadute da non più di 180 giorni alla data di presentazione della domanda.  L’iniziativa ha validità sino al 30 giugno 2010.

Sostegno alla liquidità aziendale

Capitale circolante: la banca concede una specifica linea di credito aggiuntiva agli affidamenti già in essere, per favorire la gestione degli insoluti, un problema particolarmente avvertito in questo momento. L’importo massimo concedibile è in funzione delle linee di credito per smobilizzo commerciale già concesse (25% del castelletto con un massimo di 250 mila euro). I Confidi interverranno con una garanzia pari ad almeno il 50% della linea di fido. L’iniziativa è valida fino al 30 giugno 2010.

Allungamento scadenze breve termine: in coerenza con iniziative similari già previste dalla Banca e analogamente a quanto disposto per il rinvio rata dei finanziamenti a medio lungo termine secondo i contenuti del citato Avviso Comune dell’ABI, la Banca si impegna a sostenere le esigenze di cassa, allungando fino a 270 giorni le scadenze dei crediti a breve termine (anticipi all’esportazione, anticipi fatture, anticipo/sconto portafoglio commerciale), con riferimento ad operazioni di anticipazioni su crediti certi ed esigibili.

“L’accordo firmato oggi da Intesa Sanpaolo e dagli Imprenditori di Confindustria Agrigento – spiega il Direttore dell’Area Sicilia di Intesa Sanpaolo Salvatore Immordino – è la testimonianza di quanto il Gruppo Intesa Sanpaolo sia vicino al tessuto industriale e imprenditoriale del Mezzogiorno, in particolar modo a quello della Sicilia. Con questa intesa sono state individuate iniziative di diverso genere finalizzate alla predisposizione di strumenti per fornire alle imprese un supporto per affrontare l’attuale situazione di crisi economica e finanziaria. L’obiettivo è quello di assicurare la continuità di credito al sistema produttivo, garantendo alle imprese liquidità sufficiente per superare questi difficili mesi e promuovere interventi per rafforzare il patrimonio delle imprese”.

“Il tessuto delle piccole imprese della nostra provincia necessita di concrete  azioni per essere sostenute in uno scenario nel quale le banche per prime sono chiamate a fare la propria parte. In tale ambito, Confindustria Agrigento intravede un ruolo proprio nel  confrontarsi sui  disagi che si originano da fatti estranei al nostro territorio – afferma il Presidente di Confindustria Agrigento Giuseppe Catanzaro, che ha  raggiunto l’accordo sottoscritto con la il Presidente della Piccola di Confindustria ed il Gruppo Intesa Sanpaolo – L’accordo di oggi costituisce un valido esempio di integrazione tra banche e piccole imprese che possono e devono continuare a sostenere la nostra realtà economica. Va apprezzata la concretezza che il Gruppo Intesa Sanpaolo ha voluto dimostrare con l’accordo che offre ai piccoli imprenditori strumenti di sostegno reale”.