Concluso il gemellaggio Casteltermini-Chatelet con la presenza del console

Gemellaggio Casteltermini-ChateletSi è concluso in grande stile il viaggio della delegazione castelterminese a Chatelet in occasione del gemellaggio. La delegazione è stata ospite a pranzo del console italiano a Charleroi, Andreina Palmieri. Un invito a sorpresa, che ha lasciato emozionati e senza parole tanto gli amministratori, quanto i delegati popolari, partiti alla volta del Belgio. “Un invito dal cuore, ha commentato il console Palmieri. Questo gemellaggio ha costituito un riconoscimento importantissimo per la comunità belga, che ospita da decenni migliaia di siciliani”. In occasione del gemellaggio, da tutto il Belgio, sono arrivati a Chatelet oltre 2000 italiani emigrati, per accogliere la delegazione castelterminese. Una grande festa all’insegna del tricolore, che ha invaso tutte le strade, gli esercizi commerciali e le chiese, tanto di Chatelet quanto di Charleroi. “Un’esperienza indimenticabile, che ha avuto le proporzioni di un momento storico, per entrambe le comunità”. Questo il commento del sindaco Sapia, che aggiunge: “Ringrazio di cuore il borgomastro di Chatelet, Daniel Wanderlick,  per l’accoglienza regale che ci ha riservato. Con lui tutti gli amministratori e il comitato dei gemellaggio, tanto quello castelterminese, quanto quello belga. Lì abbiamo trovato grandi esempi di imprenditoria, che cercheremo di portare anche nella nostra terra”. A conclusione del gemellaggio, una scolaresca belga ha consegnato a Sapia una serie di letterine, che andranno ai bambini delle elementari castelterminesi, ciò al fine di fare partire una corrispondenza siculo-belga. In Belgio applauditissimo anche il gruppo folcloristico del Tataratà.

[nggallery id=64]